Seguici su

Ciclismo

Come stanno Vingegaard, Evenepoel e Roglic: il bollettino dei corridori caduti al Giro dei Paesi Baschi

Pubblicato

il

Jonas Vingegaard
Vingegaard / IPA Sport

Una quarta tappa dai connotati preoccupanti e drammatici quella di ieri del Giro dei Paesi Baschi. A circa 35 km della conclusione, una maxi-caduta ha catalizzato l’attenzione di appassionati e non, visto che a essere coinvolti sono state anche i punti di riferimento della corsa, ovvero Jonas Vingegaard, Remco Evenepoel e Primoz Roglic. Nella Etxarri Aranatz-Legutio di 157,5 km si è assistito a un qualcosa che si preferiva non si verificasse e le conseguenze sono state importanti.

CONDIZIONI VINGEGAARD – Vingegaard, vincitore degli ultimi due Tour de France ha impattato violentemente su una canalina di cemento a bordo strada restando poi fermo a terra per diversi minuti prima di venire immobilizzato e portato in barella con l’ossigeno su un’autoambulanza. Gli esami hanno riscontrato la frattura della clavicola e di diverse costole. Chiaramente la sua programmazione ne risulterà alterata.

CONDIZIONI EVENEPOEL – Il belga, trasportato in ospedale dopo il crash, ha riportato la frattura della clavicola e della scapola destra. Ad annunciarlo tramite una nota stampa è stata la squadra del campione iridato a cronometro in carica, la Soudal Quick-Step. Evenepoel sarà operato quest’oggi a Herentals, in Belgio. Questo incidente lo costringerà molto probabilmente a saltare l’appuntamento della Liegi-Bastogne-Liegi prevista il 21 aprile.

CONDIZIONI ROGLIC – Lo sloveno, caduto anche il giorno prima, ha riportato solo delle abrasioni, per sua fortuna, e non dovrebbe aver problemi nel proseguire, ma chiaramente i colpi subìti si faranno sentire e non saranno piacevoli.

GLI ALTRI COINVOLTI – In quello che ha ricordato un bollettino di guerra, vanno annotate le condizioni degli altri corridori. Vi sono l’australiano Jay Vine, dell’UAE Emirates, che ha rimediato la fratture di due vertebre cervicali e di due vertebre toraciche, senza alcun coinvolgimento neurologico, e il belga Steff Cras della Total Energies con un polmone perforato e due costole rotte, mentre diverse abrasioni per l’eritreo Natnael Tesfatsion (Lidl-Trek).