Seguici su

Basket

Basket: Virtus Bologna, doppio colpo a Brescia. Vittoria e testa della classifica per le V nere in Serie A

Pubblicato

il

Marco Belinelli
Belinelli / Credit: Ciamillo

Monday night di altissima importanza al PalaLeonessa di Brescia in questa 24a giornata: in palio il primo posto della classifica, ma in differenti versioni. Le V nere non solo battono la Germani Brescia per 73-87, ma si issano in testa alla graduatoria di Serie A agganciando i lombardi a quota 34, ma trovandosi davanti in virtù del 2-0 negli scontri diretti. Marco Belinelli e Achille Polonara brillano con 17 e 14 punti, nonché con 4/4 da tre, ma la Virtus in linea generale gioca la carta vincente del portare all’estremo l’uso del tiro da tre (36 conclusioni dall’arco, 24 da 2; 17/36 in un caso e 12/24 nell’altro). Per la Germani 14 di John Petrucelli e 13 di Jason Burnell.

Si parte con l’immediata schiacciata di Dunston; segue la tripla di Pajola ed è 0-5. Brescia si presenta con il tiro da tre di Petrucelli, ma le V nere per qualche minuto mantengono un certo vantaggio. A reagire di forza è Christon, che piazza due triple per l’11-9; Burnell si unisce subito. Dal -5, Bologna risale con Belinelli, solo per vedere Petrucelli ristabilire le distanze. Polonara diventa protagonista nelle fasi finali ed è 22-20 dopo 10′.

Si riparte con Akele che fa 1/2 dalla lunetta e ancora Polonara che pareggia da tre (23-23). C’è un continuo elastico, Cournooh ci mette del suo, ma la coppia Abass-Lundberg ancora di più: Bologna ritorna avanti. L’incertezza regna sovrana, ma la Segafredo alza i giri del motore in difesa e con questo riesce a costruirsi un parziale di 0-11 che ha tanto di Abass e Shengelia. In tuto questo Petrucelli si infortuna, e nel finale la Virtus si tiene un 39-44 come vantaggio all’intervallo.

NBA, i risultati della notte (25 marzo): Miami demolisce i Cavs, netto successo dei 76ers in casa dei Clippers

Al rientro sul parquet Belinelli pesca subito il gioco da quattro punti che vale il 39-48. Il momento è positivo per Bologna: altra tripla di Pajola e 39-51, che poi diventa ancora per sua iniziativa (in transizione) 39-53. Christon e poi Bilan fanno ripartire i padroni di casa, ma Bologna non solo riesce a gestire, ma trova anche margini di vantaggio più ampi spesso con l’iniziativa del suo numero 3. Ci provano in molti sul lato Germani a rimettere la partita entro buoni binari: Christon, poi Della Valle con tre liberi, poi Bilan, anche Massinburg. Le V nere, però, riescono a tenere nonostante il -7 raggiunto dai lombardi; ci pensa anche Lundberg a dare un colpo durissimo con la tripla, veramente spettacolare, del 61-73 a 10′ dal termine.

L’onda bianconera viene sfruttata in pieno da Lomazs, Lundberg e Polonara, oltre che da Zizic in difesa (stoppata su Akele). Di Abass è il +18 bolognese, Lundberg rincara la cosa portando a 19 i punti di vantaggio. Ormai le V nere sono in controllo, e i minuti finali passano soltanto per definire il punteggio finale di 73-87.

GERMANI BRESCIA-VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 73-87

BRESCIA – Christon 11, Gabriel 4, Bilan 10, Burnell 13, Massinburg 4, Tanfoglio ne, Della Valle 8, Petrucelli 14, Cournooh 8, Polini ne, Akele 1, Porto ne. All. Magro.

BOLOGNA – Lundberg 12, Belinelli 17, Pajola 10, Dobric 3, Mascolo 2, Lomazs 2, Shengelia 8, Menalo, Polonara 14, Zizic 4, Dunston 2, Abass 13. All. Banchi.