Seguici su

Tennis

ATP Indian Wells 2024, Daniil Medvedev rimonta e batte Tommy Paul: il russo raggiunge in finale Alcaraz

Pubblicato

il

Daniil Medvedev
Medvedev / LaPresse

Il secondo finalista del torneo ATP Masters 1000 di Indian Wells, ovvero il BNP Paribas Open 2024 di tennis, è il russo Daniil Medvedev, numero 4 del seeding, che rimonta e batte lo statunitense Tommy Paul, testa di serie numero 17, superato per 1-6 7-6 (3) 6-2 in due ore e 25 minuti di gioco. Per il russo in finale ci sarà il confronto con numero 2 del tabellone, lo spagnolo Carlos Alcaraz, giustiziere di Jannik Sinner nella prima semifinale.

Nel primo set lo statunitense parte con un parziale di 12 punti a 2 che lo porta subito sul 3-0 non pesante, poi ai vantaggi del quarto game arriva anche il 4-0. Medvedev recupera uno dei due break di ritardo, ma immediatamente perde di nuovo il servizio. Paul fatica in un lungo settimo game, annulla un break point, ed alla quinta occasione conquista il parziale sul 6-1 dopo mezz’ora.

Nella seconda frazione i ruoli si invertono: questa volta è Medvedev a volare rapidamente sul 4-0 con un parziale di 16 punti a 6, ma anche in questo caso il russo cede subito uno dei due break di margine. In un lungo settimo gioco, durato 16 punti, Medvedev si porta sul 5-2 ed ha la certezza di servire per il set. Nel nono game, però, il russo subisce il break a trenta e Paul poi completa l’aggancio sul 5-5 risalendo dallo 0-30. Lo statunitense si salva anche nel dodicesimo gioco, quando cancella due set point, e così si va al tiebreak: dal 2-3 Medvedev vince cinque punti consecutivi e chiude sul 7-3 dopo 64 minuti di gioco.

ATP Indian Wells, Alcaraz spezza la striscia di un Sinner insolitamente falloso e resta n.2 del mondo

Nella partita decisiva Paul nel game d’apertura dal 40-0 si fa trascinare ai vantaggi e cede il servizio. Il russo va sul 2-0 e poi sul 3-1, mentre nel quinto gioco toglie ancora la battuta all’avversario e scappa sul 4-1 pesante. Paul manca due opportunità per il 2-4 nel sesto game e Medvedev alla quinta occasione vola sul 5-1. Lo statunitense resta aggrappato al match, ma il russo annulla due palle break nell’ottavo gioco ed al primo match point conquista l’ultimo atto per 6-2 in 51′.

Le statistiche mostrano come Paul, nonostante la sconfitta, vinca più punti di Medvedev, 104 contro 99, con lo statunitense che chiude con un saldo vincenti-gratuiti estremamente positivo di 42-14, contro il risicato 26-17 del russo. Medvedev concretizza 5 delle 10 palle break a disposizione, mentre Paul fa appena peggio, in termini percentuali, con un 5/11 (45%).