Seguici su

Nuoto

“Saranno Campioni”: Caterina Santambrogio, la promessa eclettica del nuoto italiano

Pubblicato

il

Caterina Santambrogio
Santambrogio / Ilaria Giorgi DBM - DeepBlueMedia

L’Italia del nuoto in corsia al femminile sta cercando la nuova erede della ‘divina’ Federica Pellegrini, che manca come il pane. In molti pensano che Benedetta Pilato possa raccoglierne l’eredità, anche se lo stile che nuota la pugliese (rana) è diverso. Ebbene, tra queste candidate al trono sta cercando di inserirsi prepotentemente Caterina Santambrogio, talentuosa ragazza agli albori della carriera agonistica.

Caterina Santambrogio, classe 2009 di Lentate sul Seveso, ha cominciato sin da piccola con la società Nuoto Club Seregno, dove è allenata da Anna Azzimonti e Marco Aliprandi che la seguono spesso durante le trasferte. Ora appartiene al club In Sport Rane Rosse ed in Nazionale giovanile ha appena effettuato un collegiale al Centro di Preparazione Olimpica dell’Acquacetosa, durante il mese di gennaio, sotto lo sguardo attento del CT Marco Menchinelli.

La brianzola si è fatta conoscere dagli addetti ai lavori nell’estate del 2022, quando con la Nazionale giovanile azzurra ha strabiliato durante la Coppa Comen-Mediterranean Swimming Cup, manifestazione svoltasi a Limassol. Santambrogio ha stupito tutti, conquistando un bottino di sette medaglie d’oro (100 e 200 stile libero e 200 misti, oltre alle quattro staffette: la 4×100 mista femminile, la 4×100 stile libero mista, la 4×100 sl femminile e la 4×200 sl femminile).

Tuttavia, la sua definitiva esplosione è avvenuta nel 2023: due record italiani in vasca lunga della categoria ragazze, ottenuti in meno di un mese durante due manifestazioni diverse. Dapprima, siglava il primato tricolore nei 200 misti agli EuroJunior di Belgrado in 2:17.73. Nella capitale serba, l’azzurrina portava a casa due ori ed un argento (tutti ottenuti con le staffette). Ad agosto, invece, arrivava il secondo record nazionale nei 100 stile libero ragazze in 55″98 agli Assoluti di categoria a Roma, dove Caterina ha collezionato ben 4 ori (100 farfalla, 50, 100 e 200 stile) ed 1 argento (100 dorso).

La ciliegina sulla torta per la 14enne si concretizzava agli EYOF (Festival olimpico della gioventù europea) di Maribor: bronzo individuale nei 200 dorso (2:16.61), oltre a diversi podi con le staffette. Dunque, non solo stile libero e misti per la seregnese, ma anche un buon dorso nel repertorio, che gli serve nell’ottica dei 4 stili.

L’ascesa di Santambrogio prosegue senza soste: fra poco arriverà il momento di decidere in quale stile e distanza specializzarsi, per impostare una preparazione idonea affinché possa raggiungere un livello agonistico di eccellenza in ambito internazionale. Il potenziale c’è tutto per un futuro da protagonista.

LE PUNTATE PRECEDENTI DI ‘SARANNO CAMPIONI’

Maurizio Contino