Seguici su

Nuoto

Nuoto, risultati batterie Mondiali: Quadarella illumina, Pilato non convince, fuori Meilutyte!

Pubblicato

il

Simona Quadarella
Quadarella / LaPresse

Andate in archivio le batterie della seconda giornata dei Mondiali 2024 di nuoto in corsia. All’Aspire Dome di Doha (Qatar) un day-2 di heat nel quale l’Italia era presente tutte le gare e i riscontri sono stati di tenore differente nel bene e nel male.

Francesca Pasquino, esordiente in una rassegna iridata, è riuscita a rientrare nel novero delle atlete qualificate per le semifinali dei 100 dorso donne con il crono di 1:01.54. Vedremo se penultimo atto riuscirà a fare un bel salto di qualità. Specialità con tante assenze, una su tutte quella della fuoriclasse australiana Kaylee McKeown, con l’americana Claire Curzan a svettare in 59.72.

Nelle batterie della medesima distanza al maschile molto bene Michele Lamberti, che ha stabilito il suo personale di 53.73 (53.76 il precedente), mettendo in mostra una nuotata convincente e molto facile nella gestione. Quinto tempo di ingresso in semifinale e obiettivo tempo limite per le Olimpiadi di 53.2. Graduatoria comandata dal sudafricano Pieter Coetze in 53.32. Da segnalare l’eliminazione a sorpresa del polacco Ksawery Masiuk (17° in 54.33).

Nei 100 rana donne la sorpresa della mattinata è stata l’eliminazione della lituana Rūta Meilutyte, che non difenderà il titolo vinto nel 2023 in Giappone. Una prestazione decisamente sottotono per lei di 1:07.79 (17ma). Forma poco scintillante, però, anche tra le fila azzurre per quanto si è visto in queste heat. Benedetta Pilato, che ha ottenuto il pass olimpico agli Assoluti invernali, non pare in grande condizione. L’1:07.24 è valso il decimo crono dell’overall e si spera che ci siano margini di miglioramento in una gara che senza la lituana si apre. Vorrà fare meglio anche Arianna Castiglioni, tredicesima in 1:07.48 e a caccia del tempo limite di 1:06.3. Alla fine della fiera la cinese Tang Qianting ha ottenuto il best time delle battere in 1:06.16.

Nei 200 stile libero uomini delle tante defezioni, il tedesco Lukas Märtens è stato il migliore in 1:45.74 a precedere il connazionale Rafael Miroslav (1:45.89) e il lituano Danas Rapsys (1:45.93). Da considerare anche il britannico Duncan Scott (1:46.09) e l’australiano, argento mondiale ieri nei 400 sl, Elijah Winnigton (1:46.69). Male i due azzurri Matteo Ciampi (24° in 1:47.65) e Marco De Tullio (29° in 1:48.46).

A chiusura di questo day-2 mattutino in Qatar, Simona Quadarella ha battuto un colpo e ha stampato il miglior tempo di 16:02.96 a precedere la tedesca Isabel Gose (16:10.60) e la cinese Li Bingjie (16:13.61) nell’overall. In vista della Finale di domani le prospettive sono decisamente interessanti perché, considerate le assenze eccellenti (Katie Ledecky ad esempio), la romana può davvero ambire al massimo possibile. Medaglia che avrebbe il significato di qualificazione olimpica, ma le intenzioni di Simona sono quelle di ottenere un bel riscontro, magari inferiore al 15:55.0 imposto dalla FIN per il pass a Cinque Cerchi.