Seguici su

Basket

Basket: Milano domina in difesa, batte Trento e va in semifinale di Coppa Italia

Pubblicato

il

Devon Hall
Hall / Ciamillo

Si è appena concluso il primo quarto di finale delle Final Eight della Coppa Italia di basket 2024 e sul parquet dell’Inalpi Arena di Torino sono scese in campo l’EA7 Emporio Armani Milano e la Dolomiti Energia Trento. Entrambe le formazioni volevano vendicare l’eliminazione proprio al primo turno delle Final Eight di un anno fa. Ecco come è andata.

Avvio con le due squadre tese e Trento perde palla nei primi due possessi, ma serve una tripla di Voigtmann a Milano per sbloccarsi dopo oltre un minuto di gioco. Fatica la Dolomiti Energia in attacco e serve un fallo di Napier per mandare sulla lunetta Forray per i primi punti di Trento. Milano fa la partita, ma Melli e compagni non approfittano dei problemi offensivi degli avversari per scappare via, con i trentini che da oltre l’arco restano in partita. E a 2’ dalla fine del primo quarto brutta palla persa da Hines, contrattacco e tripla da lontano di Alviti per il primo vantaggio di Trento. È Alviti show, con tre su tre da oltre l’arco, ma dall’altra parte dominano i rimbalzi i biancorossi, Mirotic prende rimbalzo, fa canestro e subisce fallo e alla fine anche Hines fa rimbalzo e canestro e si va al primo stop sul 20-17 per Milano.

Alza il livello difensivo Trento a inizio secondo quarto e Milano fatica a trovare la via del canestro nei primi minuti. Così i ragazzi di Galbiati impattano il match, ma poi concedono due penetrazioni troppo facili a Voigtmann e a Shields e l’Olimpia si sblocca. Si blocca, invece, la Dolomiti Energia e Milano scappa sul +10, con Napier che sfiora una giocata da quattro punti, con la palla che balla sul ferro su una tripla con fallo. Trento molto più fallosa (12 a 5 dopo 15 minuti), mentre Milano domina a rimbalzo (19 a 11) e qui sta la differenza fin qui. Serve una tripla di Forray per sbloccare Trento, ma è solo una fiammata, perché la squadra di Galbiati fatica tantissimo a trovare un tiro, mentre dall’altra parte difende benissimo Milano e anche se spreca qualche chance scappa via sul +16. Finisce, così, 39-23 il primo tempo, con un secondo quarto da soli 6 punti per Trento (2/10 da due punti in 20 minuti), che segna anche 11 palle perse, mentre per l’Olimpia già doppia cifra per Shavon Shields con 10 punti, con Davide Alviti a 9 punti come miglior realizzatore per Trento.

La ripresa inizia con una giocata da tre punti di Voigtmann, colui che aveva sbloccato anche i primi 20 minuti, mentre Trento continua a non segnare, con l’ultimo canestro a referto che è arrivato poco dopo metà secondo quarto e parziale di 21-0 a cavallo dell’intervallo a metà terzo quarto. Servono 10 minuti a Trento per sbloccarsi, ma è troppo poco, con Milano che in difesa fa la differenza e dopo i 6 punti del terzo quarto ne concede solo 12 nel terzo e va all’ultimo stop avanti 65-35, con il match virtualmente chiuso. È un lunghissimo garbage time quello che si vive sul parquet di Torino, con il quarto quarto che serve solo per le statistiche. Milano che alza il piede dall’acceleratore, spazio anche per chi in stagione ha avuto minutaggi minimi, e alla fine l’EA7 Emporio Armani si impone 80-57 e stacca il biglietto per le semifinali. Top scorer Shavon Shields e Johannes Voigtmann con 14 punti, mentre per Trento ci sono i 12 di Prentiss Hubb.