Seguici su

Pallavolo

Volley, Perugia travolge Modena con un secco 3-0 nell’anticipo della 15ma giornata e aggancia Trento in vetta alla classifica

Pubblicato

il

Igor Plotnytskyi

Un film già visto. La Sir Susa Vim Perugia travolge con un netto 3-0 la Valsa Modena, stavolta in trasferta, come tre settimane fa nei quarti di Coppa italia e aggancia almeno per ora Trento in vetta alla classifica, in attesa della super sfida di domani tra Piacenza e l’Itas. Per Modena un’altra sconfitta pesantissima, nelle dimensioni, subita tra le mura amiche dopo quella di due settimane fa contro Verona. In mezzo la vittoria di Monza che aveva fatto ben sperare per una partita più equilibrata oggi, ma l’equilibrio si è visto solo in avvio dei primi due set e poi è stato cancellato dalla superiorità schiacciante della squadra dell’ex di turno Angelo Lorenzetti.

In avvio la squadra modenese rinuncia ancora una volta a Rinaldi per schierare Juantorena in banda titolare, mentre Perugia scende in campo con la formazione tipo. L’equilibrio iniziale resiste fino all’8-8, poi è Plotnytskyi a salire in cattedra e a far sbandare a più riprese la formazione di casa che va sotto 12-8 e non riesce più a reagire. Il vantaggio di Perugia aumenta progressivamente, la squadra umbra gioca sul velluto e tornano i fantasmi in casa Valsa Group con la Sir Susa Vim che va fino in fondo e vince 25-18.

Nel secondo set sembra di assistere alla ripetizione del parziale precedente. Modena ci prova, riesce anche a mettere il naso avanti in avvio (5-3) ma è un fuoco di paglia perchèéPerugia raggiunge la parità sul 7-7 e poi, come qualche minuto prima, si invola sul 12-8 e non permette più ai modenesi di rientrare in partita. Il pubblico di casa inizia a mugugnare ma Modena non si ritrova e perde 25-17 un secondo set ancora senza storia.

Nel terzo set non c’è nemmeno il pathos dell’equilibrio nella parte iniziale. Giannelli e compagni prendono subito il largo e per Modena è tutto molto complicato. Gli umbri limitano al minimo gli errori, volano ancora sul 12-7. Modena ha il merito di non mollare, di provare fino alla fine con la battuta a ribaltare una situazione pesantissima. Ci riescono Daviskiba e Stankovic a mettere il crisi i primi della classe, riportando Modena a -3 (19-16). Nel finale, però, la squadra ospite riprende a martellare e si impone con un altro 25-18 che non  lascia spazio a recriminazioni.

Foto Ipa