Seguici su

Salto con gli sci

Tournée 4 Trampolini 2024. Stefan Kraft parte come favorito, ma ci sono almeno 9 pretendenti al successo

Pubblicato

il

Jan Hoerl

Il salto con gli sci è prossimo a vivere il solenne appuntamento della Tournée dei 4 trampolini, che dal 28 dicembre al 6 gennaio catalizzerà l’attenzione mediatica sugli sport invernali. La LXXII edizione di un evento entrato nella cultura popolare di tutta la Mitteleuropa (e non solo) si annuncia estremamente atteso proprio dai Paesi che lo organizzano.

Austriaci e tedeschi hanno infatti dominato la scena nella fase iniziale della stagione. Stefan Kraft, in particolare, si è imposto in 5 delle 8 gare disputatesi sinora. È pertanto l’ovvio favorito per la conquista di una manifestazione sentitissima, da lui già vinta nel 2015. Dovrà però guardarsi dalla concorrenza dei vicini teutonici, con Andreas Wellinger e Karl Geiger a rappresentare le alternative più credibili. La Germania non festeggia dal 2002 e il digiuno si sta facendo sempre più insopportabile.

Se si vuole restare nel bacino di chi parla tedesco, guai a sottovalutare Jan Hörl e Pius Paschke. Il primo è una bomba a orologeria, bisogna capire se il timer scatterà proprio quando più conta. Il secondo sta vivendo il più classico dei “momenti di grazia”. Vederlo trionfare nella Tournée, sarebbe una favola degna di un film.

Invece, se si cerca un potenziale vincitore dall’idioma differente, bisogna tenere d’occhio quattro nomi, citati in rigoroso ordine alfabetico: Halvor Egner Granerud, Ryoyu Kobayashi, Anze Lanisek e Marius Lindvik, a patto di vederli alzare l’asticella rispetto a quanto mostrato tra fine novembre e inizio dicembre. L’ipotesi non può essere esclusa, poiché parliamo di un quartetto dotato di un talento sopraffino.

Salto con gli sci, l’Italia maschile si apre a ventaglio grazie a quattro azzurri competitivi nel massimo circuito

I FAVORITI DELLA 72^ EDIZIONE

★★★★★
KRAFT Stefan

★★★★
GEIGER Karl
WELLINGER Andreas

★★★
HÖRL Jan
KOBAYASHI Ryoyu
LANISEK Anze
LINDVIK Marius

★★
GRANERUD Halvor Egner
PASCHKE Pius


Tutti gli altri. Mai dare nulla per scontato. Di tanto in tanto, il successo finale è stato appannaggio di atleti assolutamente impronosticabili alla vigilia.

VINCITORI IN ATTIVITA’
Fra i saltatori in attività, sono sei ad aver già conquistato almeno un’edizione della Tournée:
3 – STOCH Kamil (POL) [2017, 2018, 2021]
2 – KOBAYASHI Ryoyu (JPN) [2019, 2022]
1 – KRAFT Stefan (AUT) [2015]
1 – PREVC Peter (SLO) [2016]
1 – KUBACKI Dawid (POL) [2020]
1 – GRANERUD Halvor Egner (NOR) [2023]

NAZIONI

Le superpotenze storiche del salto con gli sci spiccano, ovviamente, nella classifica dei Paesi con più vittorie. Per la verità fra di esse vi è grande equilibrio poiché a oggi la testa della graduatoria vede al comando un terzetto di nazioni.
16 – GERMANIA (12 DDR + 1 FRG + 1 GER)
16 – FINLANDIA
16 – AUSTRIA
11 – NORVEGIA
5 – POLONIA
3 – GIAPPONE
2 – REP.CECA (1 CEC + 1 CZE)
2 – SLOVENIA
1 – UNIONE SOVIETICA

Nonostante le Tournée disputate siano 71, i successi accreditati sono già 72. Nell’edizione 2005-06 vi fu l’incredibile ex aequo tra Janne Ahonen e Jakub Janda. I due chiusero con lo stesso punteggio e vennero dichiarati entrambi vincitori.

Per quanto riguarda le tre nazioni al comando della graduatoria bisogna rimarcare come il movimento tedesco stia attualmente vivendo il digiuno più lungo della sua storia, poiché l’ultima affermazione è datata 2001-02.

Negli anni successivi si è visto raggiunto dalla Finlandia, oggi sprofondata in una crisi forse irreversibile, e dall’Austria che grazie allo spettacolare filotto senza precedenti di sette vittorie consecutive tra il 2008-09 e il 2014-15 è passata dallo status di quarta forza storica a quello Paese co-egemone nel giro di poco più di un lustro.

Sedici successi sono però diventati una pietra miliare invalicabile. La Germania è ferma da 22 anni, la Finlandia da 16 e l’Austria da 9! Chi sarà la prima a varcare la fatidica soglia?

IL SISTEMA KO

Una peculiarità unica della Vierschanzentournee è quella di avere competizioni che, a meno di cause di forza maggiore, si disputano con il sistema KO. Questo format, ideato per generare interesse attorno alla qualificazione, è stato introdotto a metà anni ’90 e da allora mai più abbandonato. Come funziona?

La start list della prima serie di gara non è compilata invertendo la classifica generale di Coppa del Mondo, bensì basandosi sul risultato della qualificazione, il cui esito è utilizzato per determinare 25 scontri diretti in cui ogni saltatore affronta un avversario secondo il tabellone:
26° vs 25°
27° vs 24°
28° vs 23°
e così via fino a…
48° vs 3°
49° vs 2°
50° vs 1°
Accedono alla seconda serie, e quindi alla zona punti, i vincitori di ogni scontro diretto più cinque ripescati (impropriamente chiamati lucky losers), ovvero i cinque uomini con il punteggio più alto tra gli sconfitti.
Pertanto teoricamente si può essere nei 30 senza avere una delle migliori trenta prestazioni assolute, o viceversa.

Foto: La Presse