Seguici su

Senza categoria

Tennis: dove giocheranno gli italiani nella prima settimana ATP e WTA del 2024

Pubblicato

il

Matteo Arnaldi

Sembra passato pochissimo tempo dalla fine dell’annata tennistica 2023, ma il 2024 è sostanzialmente già alle porte. A livello professionistico, del resto, è difficile fermarsi: una volta chiuso il discorso Finals ci si prende qualche giorno di pausa, poi si riparte e si scende verso l’Australia, la terra ambita anche in virtù della presenza del primo Slam dell’anno.

Nelle entry list ATP dei primi tornei del nuovo anno, vale a dire Brisbane e Hong Kong, ci sono diversi nomi italiani d’interesse. In particolare, nella città australiana c’è Matteo Arnaldi che comincerà nello stesso luogo di Rafael Nadal (il che significa, in breve, che a livello teorico il sorteggio potrebbe accoppiare il ligure e il mancino di Manacor). Nelle qualificazioni, invece, sono certamente al via Matteo Berrettini e Giulio Zeppieri in una particolare connessione romana. C’è ovviamente la possibilità che, per rinunce di vario genere, altri azzurri possano tentare la strada del tabellone cadetto. Quanto a Hong Kong, invece, l’unico esponente dell’Italia presente è Lorenzo Musetti, che ad oggi sarebbe testa di serie numero 6.

Tennis, Filippo Volandri su Sinner: “Nel 2024 può vincere uno Slam, ragiona da numero 1”

In fatto di WTA, invece, ancora a Brisbane c’è competitività: si tratta di un caso, infatti, in cui l’evento femminile vale più di quello maschile come categoria, essendo un 500 contro il 250 della controparte. Martina Trevisan, Camila Giorgi e Lucia Bronzetti cominceranno da qui la nuova stagione, mentre ad Auckland, almeno nel main draw, non si è avuta nessuna iscrizione azzurra.

C’è poi, naturalmente, la United Cup (che ha de facto valore di 500) con la sua formula che prevede la presenza di tre uomini e tre donne nelle squadre, che si formano, va ricordato, per iscrizione e non per convocazione. In casa Italia le presenze sono quelle di Lorenzo Sonego, Flavio Cobolli, Andrea Pellegrino, Jasmine Paolini, Nuria Brancaccio e Angelica Moratelli.

Foto: LaPresse