Seguici su

Sci Alpino

Sci alpino, Marco Odermatt infligge una severa lezione a tutti e domina il superG di Bormio. Italia a picco

Pubblicato

il

Un anno dopo Marco Odermatt si ripete nel superG di Bormio e risale nuovamente sul gradino più alto del podio. Si tratta del ventottesimo successo in carriera per il campione elvetico, l’undicesimo nella specialità. Odermatt è stato semplicemente di un’altra categoria, riuscendo a domare la Stelvio con una classe, una forza ed una velocità che non hanno eguali nel Circo Bianco.

Lo svizzero sale sul podio per l’undicesimo superG consecutivo ma, soprattutto, con questa vittoria si è preso anche il pettorale rosso di leader della classifica di specialità, come già accaduto in discesa e in gigante. Davvero il dominatore assoluto della Coppa del Mondo. 

Avversari con distacchi abissali, partendo già dal secondo posto di Raphael Haaser, che si potrebbe definire “il primo degli altri”. L’austriaco conclude a 93 centesimi dallo svizzero e ritorna sul podio in Coppa del Mondo due anni dopo proprio la prima ed unica volta, che era stata sempre in superG e sempre a Bormio, chiudendo anche in quella occasione al secondo posto. Continua a non arrivare la prima vittoria stagionale per Aleksander Aamodt Kilde. Il norvegese oggi comunque non avrebbe potuto nulla contro questo Odermatt, ma alla fine comunque ha concluso al terzo posto, staccato di oltre un secondo dallo svizzero (+1.31).

Quarto posizione per il vincitore della Val Gardena, l’austriaco Vincent Kriechmayr (+1.45), che ha preceduto lo svizzero Justin Murisier (+1.76). Sesti a pari merito l’austriaco Stefan Babinsky ed il francese Nils Allegre (+1.81) davanti allo svizzero Loic Meillard (+1.82). Nono Alexis Pinturault (+1.83), mentre completa la Top-10 un altro svizzero, Gino Caviezel (+1.92).

Un superG purtroppo da dimenticare per i colori azzurri. Dominik Paris, partito con il pettorale 1, è caduto nella parte alta, ma per fortuna senza conseguenze. Una scivolata molto simile a quella di ieri e con gli sci che si sono staccati immediatamente. Purtroppo anche Mattia Casse non ha terminato la sua gara, uscendo di pista anche lui dopo poche porte.

Purtroppo c’è stata anche la brutta caduta di Christof Innerhofer. Il veterano azzurro è stato sbalzato fuori dopo un dosso ed è finito violentemente contro le reti. Purtroppo Innerhofer è stato portato via in elicottero per un probabile infortunio alla gamba (si parla di un taglio al polpaccio).

Un solo italiano a punti ed è Pietro Zazzi che chiude ventinovesimo (+3.16). Giovanni Franzoni sfiora i punti, chiudendo 31° (+3.32), mentre sono 36° Florian Schieder (+3.76),  37° Nicolò Molteni (+3.80) e 44° Giovanni Borsotti (+4.72).

Come detto Odermatt si è portato al comando anche della classifica di superG. Lo svizzero conduce con 160 punti davanti ad un terzetto austriaco composto da Kriechmayr (150), Hemetsberger ed Haaser (94). In quella generale, invece, il campione elvetico non sembra avere più rivali dopo il grave infortunio di Marco Schwarz. Odermatt ha 636 punti e, escludendo l’austriaco che ha finito la stagione, il più “vicino” è Kilde con 240.

FOTO: LaPresse