Seguici su

Artistica

Ginnastica artistica, Nicola Bartolini: “Sono tornato nella stanza dello spirito e del tempo”

Pubblicato

il

Nicola Bartolini

Nicola Bartolini può ritenersi soddisfatto della stagione ormai andata in archivio, avendo centrato il grande obiettivo della qualificazione olimpica per i Giochi di Parigi 2024 con la squadra italiana maschile di ginnastica artistica. Il 27enne sardo ha recitato un ruolo importante nell’impresa della formazione tricolore, che ha strappato il pass a cinque cerchi accedendo all’atto conclusivo degli ultimi Mondiali di Anversa.

Il capitano della Nazionale, oro iridato 2021 al corpo libero, ha parlato proprio di questo e di tanto altro in un’intervista andata in onda nell’ultima puntata di Ginnasticomania, la trasmissione del canale YouTube di OA Sport: “È un piccolo sogno che si realizza anche perché ero stato protagonista delle precedenti due mandate, in cui la qualificazione era stata mancata. Diciamo che è stata una grande soddisfazione. Dopo la quarantena ed il Covid, è stato un continuo raccogliere di quello che tutta la squadra ha seminato sia a livello individuale che a livello di team“.

Negli ultimi due anni la squadra ha portato a casa un argento agli Europei, un quarto posto ai Mondiali ed un oro agli ultimi Europei, oltre al pass olimpico che è stato la ciliegina sulla torta. Nel 2023 non mi sono concentrato più di tanto sul discorso individuale, era importante dare una mano alla squadra e così è stato. Per il futuro invece bisogna pensare sia alla squadra che a livello individuale“, aggiunge Bartolini.

Dopo il Mondiale mi sono un periodo di stacco per tornare dai miei genitori giù in Sardegna, perché con tutti gli eventi che ci sono stati non ho avuto tempo di respirare. Adesso siamo tornati in quella che io chiamo la stanza dello spirito e del tempo, nella bolla, per preparare prima gli Europei di Rimini e poi, si spera, Parigi“, conclude l’azzurro. Di seguito il VIDEO dell’intervista integrale a Nicola Bartolini.

VIDEO INTERVISTA NICOLA BARTOLINI

Foto: Lapresse