Seguici su

Curling

Curling, Italia attesa al terzo Slam della stagione in Canada con la squadra maschile e femminile

Pubblicato

il

Stefania Constantini

Due settimane dopo la conclusione dei Campionati Europei, l’Italia del curling torna protagonista da martedì 12 a domenica 17 dicembre con il WFG Masters 2023, terzo appuntamento stagionale del circuito Grand Slam. Le squadre azzurre proveranno a ben figurare sul ghiaccio del Merlis Belsher Place di Saskatoon, in Canada.

Il torneo è riservato esclusivamente alle migliori 16 formazioni del ranking internazionale in entrambi i settori, con il Bel Paese che può schierare una compagine maschile ed una femminile. Il team maschile, composto dallo skip Joel Retornaz, Amos Mosaner, Sebastiano Arman e Mattia Giovanella, vuole riscattare la cocente delusione degli ultimi Europei andando a caccia di un clamoroso tris stagionale nei Major.

Nel settore maschile c’è da smaltire l’amarezza per l’esito dei Campionati Europei, dove si è giocato a lungo ad altissimo livello prima di perdere la semifinale e la sfida per il bronzo. Un Grand Slam, con le migliori squadre del mondo, rappresenta una grande opportunità di ritrovare lo spirito vincente, usando in maniera produttiva la scossa subita ad Aberdeen“, dichiara alla vigilia Claudio Pescia.

Curling. L’Italia è entrata a pieno titolo nel “Club delle Grandi”, ponendo le basi per restarci a lungo

L’obiettivo degli uomini sarà di chiudere la prima parte della stagione in maniera positiva. Chiaramente, alla luce di quanto accaduto nei primi due Slam, non si può fingere di non puntare alla terza affermazione consecutiva. Però bisogna essere pragmatici e procedere un passo alla volta. Dunque, per prima cosa, sarà necessario assicurarsi la qualificazione ai play-off. Solo a quel punto si potrà pensare di tornare a vincere le partite che contano“, aggiunge il direttore tecnico azzurro al sito federale.

Attesa anche per il team femminile, formato dalla skip Stefania Constantini, Elena Antonia Mathis, Angela Romei, Giulia Zardini Lacedelli e Marta Lo Deserto, dopo lo splendido argento continentale (a pochi centimetri dall’oro) di Aberdeen. “Riguardo le ragazze, non voglio porre obiettivi particolari, se non quello di chiudere in maniera positiva una prima parte di stagione che ha già regalato grandi soddisfazioni, quali l’ingresso nella top10 del ranking mondiale e la medaglia d’argento agli Europei”, il commento di Pescia.

Foto: Anil Mungal/FISG