Seguici su

Senza categoria

Come può cambiare il ranking ATP agli Australian Open nelle prime posizioni: i punti da difendere di Djokovic, Alcaraz, Medvedev e Sinner

Pubblicato

il

Novak Djokovic

Lunedì 29 gennaio 2024 potrebbe cambiare la vetta del ranking ATP: gli scarti dei tornei dello scorso anno uniti ai 500 punti potenziali in palio nella United Cup ed ai 250 a disposizione nella settimana successiva, oltre ai 2000 previsti agli Australian Open, rimettono tre tennisti in corsa per il numero 1 della classifica mondiale.

Il serbo Novak Djokovic, attualmente in vetta con 11245 punti, ne scarterà 2250 a gennaio, ovvero quelli relativi alle vittorie degli Australian Open 2023 e di Adelaide I 2023, ripartendo così da quota 8995 punti, ai quali però andranno aggiunti quelli che il serbo conquisterà nella United Cup 2024 (massimo 500).

Lo spagnolo Carlos Alcaraz, momentaneamente secondo con 8855 punti, non avrà scarti a gennaio, in quanto nel 2023, essendo infortunato, saltò gli Australian Open, tornando in campo soltanto a metà febbraio: l’iberico virtualmente potrà iniziare la corsa in Oceania a 140 punti da Djokovic (più quelli della United Cup).

Tennis, i punti che dovrà difendere Matteo Berrettini a gennaio 2024: c’è la cambiale della United Cup

Il russo Daniil Medvedev, in questo momento terzo a quota 7600, scarterà il prossimo mese 90 punti degli Australian Open 2023 e 90 di Adelaide I 2023, con quest’ultimo torneo che verrà sostituito con i 45 punti di Shanghai 2023: il russo ripartirà a Melbourne da quota 7465, quindi sarà in corsa per il numero 1 ATP.

Djokovic, infatti, non incasserà tutti i 500 punti potenziali in palio nella United Cup, e ne  raccoglierà meno di 470, così il russo resterà a meno di 2000 punti di distacco dal serbo. Verosimilmente, però, a Melbourne, il duello per la vetta del ranking sarà tra Novak Djokovic e Carlos Alcaraz.

Ai primi tre, però, potrebbe avvicinarsi sensibilmente Jannik Sinner, il quale ha chiuso il 2023 al quarto posto nel ranking ATP con 6490 punti: l’azzurro lo scorso anno aveva giocato l’ATP 250 di Adelaide I, nel quale però si era fermato ai quarti di finale, incamerando 45 punti.

Il torneo, però, non rientra tra i migliori 19 che compongono la classifica di Jannik Sinner, e dunque il tennista non perderà nulla. Agli Australian Open Sinner, invece, dovrà difendere i 180 punti degli ottavi di finale dello scorso anno, e ripartirà dunque da quota 6310 nel ranking ATP.

Foto: LaPresse