Seguici su

Basket

Basket, i migliori italiani della 10ma giornata di Serie A. Standing ovation per Achille Polonara

Pubblicato

il

Achille Polonara

Si è disputato nel weekend il decimo turno della Serie A di basket. I parquet del Belpaese hanno detto che Bologna e Brescia continuano a correre, con Trento che è l’unica delle inseguitrici dirette ad aver colto la vittoria. Continua, invece, la crisi di Milano, al quinto ko stagionale in campionato, e crescono le voci di un addio di Ettore Messina. Ma la decima giornata di campionato è stata, soprattutto, la giornata di Achi Polonara.

La Segafredo Arena di Bologna, ma tutta l’Italia cestistica, si è alzata in piedi a dedicare una standing ovation all’azzurro al nono minuto del match tra la Virtus e Tortona. Quando Achille Polonara è entrato in campo è stato spazzato via un incubo durato due mesi, da quando era stato annunciato che il giocatore aveva un tumore ai testicoli. Operato, dopo due mesi di cure ecco che Achi ha ritrovato il campo. In tutto otto minuti stupendi, cinque punti e una stoppata per festeggiare un traguardo che due mesi fa sembrava lontanissimo.

Per il resto vanno segnalati gli 11 punti e 9 rimbalzi di Michele Vitali nella vittoria della sua Reggio Emilia contro Pesaro, alla quale non bastano i 15 punti e 8 rimbalzi di Lorenzo Totè o i 13 punti di Riccardo Visconti. Brescia continua a correre, batte Scafati in trasferta, e lo fa con i 10 punti e 4 assist di Amedeo Della Valle e i 13 punti di John Petrucelli. Prima vittoria stagionale di Treviso, che batte Brindisi anche grazie ai 13 punti di Alessandro Zanelli.

A Varese, invece, non bastano i 18 punti, con 3/6 da oltre l’arco, di Davide Moretti per evitare il ko interno contro Cremona, mentre come dicevamo continua la crisi nera di Milano, sconfitta a Sassari e virtualmente fuori dalla Final Eight di Coppa Italia. La squadra di Messina gioca male, si affida ai singoli (questa volta Shields) per restare in partita, ma da inizio stagione l’unica costante sono le prestazioni di Stefano Tonut. Anche ieri la guardia azzurra ha chiuso in doppia cifra con 10 punti, ma soprattutto ha garantito la solita prestazione solida in difesa e fornito 4 assist. Ma per Milano, oggi come oggi, non basta.

Credits: Ciamillo