Seguici su

Basket

Basket: Eurolega ancora amara per Milano. Ibaka, Edwards e l’overtime premiano il Bayern

Pubblicato

il

Stefano Tonut

L’Olimpia EA7 Emporio Armani Milano finisce malamente beffata in Eurolega. Il 12° turno della rassegna continentale vede la formazione di Ettore Messina uscire sconfitta per mano del Bayern Monaco per 91-84, e di rimpianti ce ne sono: la sfida individuale la vince Carsen Edwards su Shavon Shields (32-26 per punti), ma quel che conta è che per i meneghini è una sconfitta che spedisce ancora indietro in classifica.

L’inizio di Milano è davvero potente: Shields, poi la tripla di Tonut, ed è 3-8 a favore dell’Olimpia. Risposta pronta di Ibaka, ma quello che si inizia a vedere è più che altro un continuo di parziali da una parte e dall’altra, con Melli, Weiler-Babb e Radoncic protagonisti a vario titolo. Il primo quarto va così a chiudersi sul 22-25.

Il canovaccio cambia qualche protagonista al rientro sul parquet (leggere alla voce Hines), ma rimane sostanzialmente per un po’. Milano trova poi un bell’assolo con Shields e poi Melli per il 29-37, ma di qui si spegne. O meglio, si accende il Bayern sui due lati del campo: pressione, Bonga e soprattutto Ibaka, autore di un gran canestro per andare all’intervallo, fanno il loro ed è 44-39, con parziale di 15-2.

Alla ripartenza sono Bonga ed Edwards a dare il +9 al Bayern, solo che, pur in un periodo dai tanti errori e dalle tante occasioni non propriamente sfruttate, l’Olimpia si riavvicina. Sono le triple di Melli e Shields a tenere agganciata Milano, che entra nell’ultimo quarto con un distacco minimo: 55-52.

Il colpo di mano gli uomini di Messina iniziano a volerlo con la tripla del +2 (58-60) di Voigtmann, che inizia a lanciare anche Flaccadori verso il 61-65. A Monaco di Baviera, però, non è tempo di mollare: Weiler-Babb e poi Ibaka siglano di nuovo il 68-65. Shields e Voigtmann rispondono ancora da oltre l’arco, ed ancora l’ex Trento sembra poter mettere il sigillo finale sul 68-74. Edwards tiene attaccato il Bayern, che poi si ritrova con gli ultimi 8 secondi da giocare in attacco. A quel punto Ibaka riesce nel miracolo bavarese: tripla, overtime e mazzata durissima per gli ospiti.

Il supplementare, di fatto, diventa qualcosa che si separa in due atti netti: nel primo un equilibrio abbastanza marcato, nel secondo un autentico dominio di Edwards, totalmente inarrestabile nell’occasione. Finisce 91-84, e Milano mastica davvero amaro.

BAYERN MONACO-EA7 EMPORIO ARMANI MILANO 91-84

BAYERN: Weiler-Babb 14, Francisco 11, Edwards 32, Weidemann, Giffey 2, Radoncic 2, Bonga 5, Ibaka 20, Brankovic, Kharchenkov ne, Booker 5, Gillespie. All. Laso

MILANO: Lo 3, Poythress 4, Bortolani 2, Tonut 9, Melli 10, Kamagate ne, Ricci, Flaccadori 5, Hall 10, Shields 26, Hines 5, Voigtmann 10. All. Messina

Credit: Ciamillo