Seguici su

Nuoto

Nuoto, inizia la caccia ai pass a Riccione! Debutta Ceccon nei 50 farfalla, Quadarella nei 400. Che battaglia nei 200 sl maschili!

Pubblicato

il

Simona Quadarella

Una prima giornata dedicata quasi esclusivamente alle distanze intermedie con tanti 200 in programma, la prima dei campionati italiani di Riccione, quella che va in scena oggi con batterie e serie lente dalle 9.30 e finali dalle 17.30.

Si inizia con una delle poche gare veloci, molto interessante, i 50 stile libero donne che vedono lo scontro fra generazioni, da una parte la veterana Silvia Di Pietro, che non vuole lasciare lo scettro di numero uno, dall’altra la generazione di mezzo, Tarantino, Cocconcelli e Morini e poi le giovanissime Sara Curtis, Matilde Biagiotti e Cristiana Stevanato, un po’ sfavorite in questa fase dagli impegni scolastici che, vista l’età, è bene non trascurare.

Bella sfida nei 200 dorso uomini con Lorenzo Mora che dovrebbe presentarsi a questo appuntamento tirato a lucido perché tra una settimana può essere protagonista assoluto agli Europei in corta di Otopeni ma che quest’anno punta forte anche alla qualificazione Mondiale e Olimpica. Stessa cosa per il dottor Matteo Restivo che di solito non sbaglia gli appuntamenti importanti ma che potrebbe puntare tutto sull’Assoluto di marzo, visto che lui ad Otopeni non ci sarà. In forse la partecipazione di Thomas Ceccon che quest’anno ha già trovato il tempo per migliorarsi su questa distanza in Coppa del Mondo, è iscritto ma probabilmente non prenderà il via in una gara che non ritiene essere strategica e che potrebbe togliergli energie importanti per i prossimi giorni.

Si sentirà tanto, invece, l’assenza di Margherita Panziera nei 200 dorso. La dorsista veneta è alle prese con un problema fisico non grave ma che allunga l’onda della poca fortuna con cui deve convivere da qualche tempo l’azzurra. Proverà ad esserci ad Otopeni e senza di lei si rischia di vedere una gara di livello non elevatissimo nella speranza di intravedere qualche giovane che possa raccoglierne il testimone.

I 50 farfalla maschili vedranno il debutto agli assoluti del campione del mondo in carica Thomas Ceccon, che se la vedrà con il veterano Matteo Rivolta, con il nome nuovo Michele Busa, pronto per Otopeni, con Burdisso e Codia che testeranno la loro condizione in vista delle loro gare predilette. Attenzione ai nomi nuovi nei 200 farfalla donne: non ci sarà Cusinato, che si è presa una pausa, non ci sarà Pirozzi, appena ritirata, la vecchia guardia è rappresentata da Alessia Polieri, tornata in ottime condizioni quest’anno, che se la vedrà con una batteria di giovani interessanti, da Antonella Crispino a Helena Musetti, a Anna Porcari e Giulia Zambelli.

Al momento non si intravedono potenziali protagonisti ad alto livello nei 200 rana maschili, dove Luca Pizzini proverà a fare ancora una volta la voce grossa ma dovrà vedersela soprattutto con Gabriele Mancini e Stefano Saladini in forte crescita ma non abbastanza per dare assalto al pass mondiale. Più o meno stessa situazione nei 200 rana femminili che hanno perso forse definitivamente l’argento europeo Martina Carraro, che si concentrerà sulle distanze veloci e dunque vede Francesca Fangio come potenziale unica protagonista, anche se Lisa Angiolini, in buone condizioni, potrebbe dire la sua anche su questa distanza. Le giovanissime Lucrezia Mancini, Lucia Principi e Francesca Zucca proveranno a battere un colpo.

Una delle gare più attese di oggi sono i 200 stile con un panorama piuttosto variopinto di protagonisti. Il più atteso è Marco De Tullio, sia per un potenziale pass mondiale, sia per un tempo che possa essere interessante in prospettiva staffetta. Da monitorare Matteo Ciampi, atteso ad Otopoeni, Filippo Megli, ancora reduce da qualche problema fisico che potrebbe impedirgli di essere al meglio, Stefano Di Cola e, perché no, i due emergenti della specialità, Alessandro Ragaini e Filippo Bertoni che ci terranno già da subito a creare qualche grattacapo ai grandi interpreti della specialità, capaci di riportare la staffetta lunga su livelli mondiali. Tra gli iscritti anche Thomas Ceccon e Gabriele Detti.

Fari puntati su Simona Quadarella nei 400 stile libero. Per lei, come sempre quando sono programmati il primo giorno, gara di riscaldamento ma nella quale in vasca corta ha già mostrato al Nico Sapio cose egregie e anche oggi ci terrà a fare bene, magari tenendosi alle spalle una campionessa come Leonie Beck, a Riccione per testare la condizione in vista dei prossimi appuntamenti in acque libere. In casa Italia occhio alle sorelle Cesarano e alle giovani Valeria Di Giacomantonio e Emma Vittoria Giannelli.

Debutto in vista anche per Alberto Razzetti, già qualificato ai Mondiali e a caccia di una prestazione convincente che possa già spingerlo verso Parigi, anche se non sarà facile. E’ lui il super favorito dei 200 misti ma anche qui qualcosa si sta muovendo fra i giovani e allora occhio a Christian Mantegazza e Simone Spediacci. Mancheranno all’appello le duellanti Sara Franceschi e Ilaria Cusinato nei 200 misti donne che si preannuncia quindi una delle gare con l’età media più bassa tra le pretendenti al podio. Non ci saranno i grandi tempi ma qualche segnale per il futuro potrebbe uscire.

L’assenza di Gregorio Paltrinieri e Domenico Acerenza rende sicuramente meno interessante del solito i 1500 stile libero ma i due campioni azzurri stanno preparando giustamente l’avvicinamento a Doha (fondamentale per la qualificazione olimpica) nelle acque libere e dunque via libera a Luca De Tullio, super favorito e a caccia anche di un ulteriore miglioramento che gli permetta di fare il salto di qualità ed entrare fra i big della specialità.

Foro Lapresse