Seguici su

Formula 1

F1, Toto Wolff sulla Mercedes del 2024: “Cambieremo concetto e, praticamente, ogni componente”

Pubblicato

il

Toto Wolff LPS DPPI

La stagione 2023 della Mercedes ha assomigliato molto a un lungo inseguimento verso la competitività che, tuttavia, non portava al minimo frutto. Dopo un 2022 altamente deludente, in concomitanza con l’avvento del nuovo regolamento tecnico, la sensazione è che a Brackey abbiano un po’ perso la bussola. Dopo 8 anni di dominio quasi assoluto, la scuderia capeggiata da Toto Wolff ha marcato visita.

E, se un “buco nell’acqua” come quello del 2022 si poteva anche mettere in conto, quello doppio del 2023 è risultato decisamente più allarmante. Dopo il primo weekend di Sakhir, infatti, il team anglo-tedesco aveva subito annunciato una versione 2.0 della W14 che è effettivamente arrivata da li a poche settimane. Il cambio di passo a livello di prestazioni tanto sbandierato, invece, non si è mai visto. A parte rari casi, infatti, Lewis Hamilton e George Russell non hanno potuto lottare che per qualche podio. Gli antichi fasti sono rimasti ben lontani.

Chiusa la stagione 2023, la Mercedes si prepara per un nuovo deciso cambio di rotta, come ha raccontato lo stesso Toto Wolff: “Apporteremo modifiche sostanziali al lay-out del telaio della W15. Cambieremo la distribuzione dei pesi, i flussi d’aria e, in poche parole, tutto sarà progettato con un nuovo concetto”. (Fonte: Crash.net).

F1, Max Verstappen chiude il 2023 instaurando la supremazia più marcata di sempre. Però un record gli è sfuggito!

Il numero uno della scuderia di Brackley prosegue nella sua analisi:Ottimista su queste modifiche? Non mi sono mai sentito ottimista in tutta la mia vita. Mi sembra che parlare in questo modo sia davvero deludente, ma ha fatto in modo che non mi illudessi mai senza motivo e che alzassi sempre l’asticella, spingendo sempre di più. Anche per questo guardo la classifica costruttori e non mi viene da festeggiare il secondo posto conquistato a Yas Marina, bensì mi dispiace per non aver vinto il titolo. Sulla vettura del prossimo anno potremmo anche sbagliare il progetto, perchè vogliamo compiere un grande passo, con rischi annessi e connessi”.

Foto: LPS DPPI