Seguici su

Calcio

Milan, Pioli concentrato: “Testa a domani. Caso Juventus? Vi dico. E sulle condizioni di Giroud…”

Pubblicato

il

Stefano Pioli

Il tecnico del Milan, Stefano Pioli, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara che i suoi uomini domani, domenica 23 aprile, giocheranno contro il Lecce. A San Siro, a partire dalle 18.00, i rossoneri tenteranno di rimanere aggrappati alla corsa per un posizionamento in zona Champions League. In settimana i Diavoli hanno ottenuto un importantissimo traguardo proprio nella massima competizione europea per club, riuscendo a superare il Napoli: prima vittoria per 1-0 tra le mura amiche, poi il pareggio per 1-1 al Maradona.

Il Milan ha quindi raggiunto le semifinali della competizione e adesso si appresta a vivere un lungo periodo, specialmente delicato: sia sul fronte Champions che su quello Serie A. Nel doppio confronto semifinale, i rossoneri troveranno davanti al loro cammino l’Inter. Un doppio derby che si prevede infuocato: già da diversi giorni se ne parla. In massima serie, invece, i 15 punti restituiti momentaneamente alla Juventus (LEGGI QUI), hanno tagliato fuori dalle prime quattro proprio gli uomini di Stefano Pioli.

MILAN: LE DICHIARAZIONI DI STEFANO PIOLI

Il mister in giornata ha presentato la gara di domani, delicatissima proprio in chiave Europa, e ha voluto mantenere alta la tensione dei suoi uomini. Non sono ammessi cali da qui a fine stagione per l’allenatore e già dalla sfida con il Lecce i suoi dovranno dare il 100%. “Non è importante, di più. Possiamo finire bene, il gruppo è forte. Di queste otto partite mancanti, cinque a San Siro. Possiamo finire bene il campionato per le qualità che abbiamo. Zlatan è convocato. Autonomia limitata, sta bene. Non ci sarà Giroud che ha un problema al tendine del polpaccio e oggi ha preso un colpo Pobega, vediamo domani”.

Le considerazioni in chiave Lecce: “Abbiamo superato un avversario fortissimo, è stata una cosa che ci ha dato energie ed entusiasmo. Dobbiamo essere bravi a portarli domani. Le prossime due partite saranno fondamentali, e domani ci sarà un avversario che ci ha messo molto in difficoltà all’andata”. Cosa serve domani secondo Pioli: “Iniziarla bene, ma è da presuntuosi pensare di chiuderla subito. Ci giochiamo tanto noi e anche il Lecce, l’approccio deve essere di fiducia e portarlo nella partita per tutta la durata”.

E sul calendario: “Che sia stata e che sarà una stagione molto complicata, sì, ma starà a me gestire i giocatori e mantenere la giusta tensione. Il calendario è quello che è, bisognerà mettere in campo le formazioni migliori per raggiungere tutti gli obiettivi. La mia testa è domani”. Bisogna rimanere coi piedi per terra: “Domani molto importante, è la più importante. Ora importa quello che facciamo. La Champions è una storia a parte, saranno due partite che vivremo con grande emozione. Mancano quattro partite in campionato e ora bisogna fare bene”.

Foto: LaPresse