Seguici su

Aerials

Sci freestyle, Mondiali 2023: gli Stati Uniti conquistano l’oro nel team aerials! Seconda la Cina

Pubblicato

il

Lillis

Si aprono nel segno degli Stati Uniti i Campionati Mondiali 2023 di sci freestyle, rassegna in scena in Georgia, nello specifico a Bakuriani, fino al prossimo 5 marzo. Nella prova inaugurale della competizione iridata, la gara a squadre mista della specialità aerials, la compagine statunitense ha conquistato il metallo più pregiato dopo aver intavolato una sfida a dir poco avvincente con la Cina.

Gli americani, Campioni Olimpici in carica, sono risultati in linea generale gli atleti meno fallosi del lotto, vincendo senza patemi anche la Final 1. A prendere il largo in Finalissima ci ha pensato già nel primo salto Ashley Caldwell che, con un full double full sontuoso, ha guadagnato un punteggio sopra i 90 punti (92.00).

La tensione è poi salita vertiginosamente al secondo giro, complice il cinese Li, audace ad alzare l’asticella con un ottimo back double full full full che ha conquistato la giuria ottenendo 113.57 punti. Ma Christopher Lillis, pilastro della Nazionale a stelle e strisce, non ci sta, sciorinando subito dopo lo stesso salto eseguendolo in modo a dir poco magistrale, con una fase di forma incredibile e un arrivo prodigioso, tanto da spingere il suo score addirittura in quota 127.15.

Skicross, Jole Galli pioniera di una nuova era! Prima italiana della storia sul podio: è terza a Reiteralm!

La sfida continuerà nell’ultimo atto, sempre con la stessa difficoltà. L’asiatico Yang infatti confeziona un’esecuzione di altissimo profilo, toccando zona 113.57, totalizzando 320.71 punti totali e mettendo giocoforza parecchia pressione all’ultimo sciatore atteso, Quinn Dehlingher, obbligato a superare a tutti i costi la soglia dei 101 punti, poi prontamente sorpassata malgrado un atterraggio leggermente problematico, probabilmente dettato da un’elevazione non eccezionale. Una minuzia, visto i suoi 112.22 che consentoni ai suoi di salire sul gradino più alto del podio con 331.37.

Da segnalare infine il bronzo dell’Ucraina che, dopo un inizio positivo contrassegnato da un bel salto di Novosad, ha pagato dazio soprattutto nella fase di atterraggio accontentandosi di 255.56, arginando il Kazakistan, quarto con 256.33.

Foto: LaPresse