Seguici su

Nuoto

Nuoto, Campionati Italiani Riccione 10-11 novembre: i minimi per i Mondiali di Melbourne e chi è già qualificato

Pubblicato

il

Signore e signori, tra poco si comincia. Dal 10 all’11 novembre a Riccione andranno in scena gli Assoluti invernali di nuoto in vasca corta, ultimo evento per completare la squadra che prenderà parte ai Mondiali 2022 di nuoto nella piscina da 25 metri, in programma dal 13 al 18 dicembre a Melbourne (Australia).

A confrontarsi in questa edizione dei campionati italiani saranno ben 458 atleti, in rappresentanza di 117 società: 239 gli uomini iscritti, mentre le donne sono 219. Ogni gara si disputerà su sessioni di due giorni, secondo il sistema delle serie, e non sono previste staffette.

Compagine tricolore, dunque, che prenderà parte alla rassegna iridata con dei criteri di selezione molto precisi. In primis, gli atleti vincitori di medaglie individuali durante il Mondiale 2022 di Budapest (Ungheria) in vasca lunga saranno sui blocchetti di partenza. Ci saranno poi le staffette classificate entro il quinto posto dei Mondiali citati, nonché i vincitori degli ori negli Europei 2022 di Roma nella piscina da 50 metri del Foro Italico.

Calendario Campionati Italiani Invernali nuoto 2022: programma, orari, tv, streaming

A questi atleti si sono aggiunti coloro che hanno ottenuto il tempo limite nel corso del Trofeo Nico Sapio e che lo faranno in questa manifestazione. I crono sono al centesimo. Da sottolineare che, nel caso in cui, un atleta abbia ottenuto due tempi utili sia al Nico Sapio che in questa sede, si prenderà ovviamente in considerazione la prestazione migliore. Se ci fosse un parità cronometrica al centesimo, allora il riscontro ottenuto a Riccione avrebbe più peso.

Di seguito i tempi-limite imposti dalla Federnuoto:

Nella nota della FIN, viene anche sottolineato: “Al fine del completamento e dell’integrazione eventuale della squadra, sia a livello individuale, sia della selezione di altre staffette, la Direzione tecnica delle Squadre Nazionali sottoporrà al Consiglio Federale eventuali proposte discrezionali del Direttore Tecnico“.

Foto: LaPresse