Seguici su

Indycar

IndyCar, si ritorna sulla ‘Brickyard’ per chiudere un luglio ricco d’azione

Pubblicato

il

Dopo Toronto ed un interessantissimo doubleheader in Iowa, i protagonisti dell’IndyCar Series si spostano per la terza ed ultima volta in questo 2022 ad Indianapolis per una nuova sfida all’interno del road course che negli anni ha accolto anche il Mondiale di F1.

Il catino di Speedway accoglie per la terza volta nella propria storia una competizione nel cuore dell’estate, una manifestazione oltremodo interessante che si svolgerà nel medesimo fine settimana della NASCAR Cup Series. Week-end a stelle e strisce sulla ‘Brickyard’, una ‘tradizione’ che potrebbe confermarsi anche nel corso della prossima annata.

Il neozelandese Scott Dixon (Ganassi #9) e l’australiano Will Power (Penske #12) sono gli unici due presenti nell’albo d’oro della corsa ‘estiva’ di Indianapolis, una corsa che potrebbe regalare molte emozioni dopo quanto visto a maggio.

L’americano Colton Herta (Andretti #26) fu il migliore sul bagnato in primavera, ripetersi non è impossibile per il californiano che a più riprese ha mostrato un ottimo ritmo. Per il speciale evento che ci apprestiamo a vivere attenzione anche all’olandese Rinus Veekay (Ed Carpenter #21) ed il francese Romain Grosjean (Andretti #28), coppia che ha regalato emozioni nel primo GP del 2021.

Oltre a Power, vincitore nel 2015-2017-2018-2020 (autunno) – 2021 (estate), non possiamo non citare le prestazioni del francese Simon Pagenaud, attuale alfiere di Shank Racing che ha saputo primeggiare nel road course dello Stato dell’Indiana nel 2014 e nel 2019. Menzione d’onore per l’americano Josef Newgarden (Penske #2), presente all’evento a pochi giorni dal brutto incidente avuto in Iowa durante la race-2 di un doubleheader ricco d’emozioni. Il nativo di Nashville ha passato qualche giorno in ospedale dopo aver perso i sensi al termine dell’evento, vinto dal messicano Pato O’Ward (McLaren). 

Quest’ultimo è tornato prepotentemente nella lotta per il titolo, una bagarre senza esclusione di colpi che vede cinque piloti in meno di 50 lunghezze. ‘Pato’ chiude attualmente il gruppo a 367 contro i 369 di Dixon e Newgarden, i 395 di Power ed i 403 dello svedese Marcus Ericsson (Ganassi #8), pronto per mantenere il primato a pochi mesi dal trionfo nella leggendaria Indy500.

Foto. LaPresse