Seguici su

Sci Alpino

Sci alpino, pagelle slalom Madonna di Campiglio: Clement Noel spreca tutto, Foss-Solevaag ne approfitta, Vinatzer dà tutto

Pubblicato

il

Agli archivi è Sebastian Foss-Solevaag il vincitore dello slalom di Madonna di Campiglio valevole per la Coppa del Mondo di sci alpino 2021-2022 ma, fino all’ultima porta, era Clement Noel il vero e proprio dominatore della “3-Tre”. Il francese, invece, inforca e rovina tutto consegnando il successo al norvegese, davanti a Alexis Pinturault e Kristoffer Jakobsen. Non ci sono italiani sul podio, ma Alex Vinatzer lo sfiora, con Giuliano Razzoli e Simon Maurberger che si piazzano nella top10. Andiamo, quindi, a consegnare le pagelle del Canalone Miramonti. 

LE PAGELLE DELLO SLALOM DI MADONNA DI CAMPIGLIO

CLEMENT NOEL 9: ok, non avrà vinto lui, ma fino a una porta dal traguardo stava dominando e avrebbe vinto con un secondo di vantaggio. Rovina tutto inforcando esattamente ad un passo dall’arrivo. Fino a quel momento mette in scena l’ennesima prova da fuoriclasse assoluto, volando tra un paletto e l’altro. Peccato, ma avrà numerose occasioni per rifarsi.

SEBASTIAN  FOSS-SOLEVAAG 8: si vede recapitare in mano la vittoria, ma è bravo a farsi trovare pronto. Disputa due manche impeccabili e solo un Noel stellare lo avrebbe sopravanzato. Il norvegese si conferma sempre ad alti livelli e oggi fa sua Madonna di Campiglio.

ALEXIS PINTURAULT 7.5: dopo un weekend nella “sua” Alta Badia, ampiamente insufficiente, il francese si rifà, con gli interessi, tra i rapid gates. Chiude al secondo posto con una manche decisiva davvero da fuoriclasse. La risposta che ci aspettavamo.

KRISTOFFER JAKOBSEN 7.5: ottima conferma dopo il primo slalom stagionale. Lo svedese ormai non sorprende più e, dopo il terzo posto della prima manche, recupera una posizione nella seconda e si ferma a soli 11 centesimi dal successo.

ALEX VINATZER 7.5: si mangia di nuovo le mani a Madonna di Campiglio. Questa volta si ferma a 26 centesimi dalla vittoria ed a 15 dal podio. La beffa ulteriore arriva dalla sua prestazione, eccellente in entrambe le manche. Anzi, nella seconda manche migliora ulteriormente, ma ha solo la sfortuna di trovare tre avversari in stato di grazia.

LOIC MEILLARD 7: una media tra il 4 della prima manche ed il 10 della seconda. Lo svizzero si salva per il rotto della cuffia e, a metà gara, è 29°. Nella seconda manche sfrutta la pista tirata a lucido e rimonta ben 23 posizioni.

GIULIANO RAZZOLI 7: come la posizione nella quale chiude la sua prova. Una conferma di questo suo inizio di stagione e una prestazione di spessore anche sulla 3-Tre. Recupera 10 posizioni nella seconda manche e ribadisce di essere tornato ai suoi livelli.

SIMON MAURBERGER 6.5: centra la top10 con due manche di spessore. Non commette errori ed è bravo a sfruttare l’occasione. Un buon risultato dal quale costruire una stagione di riscatto.

HENRIK KRISTOFFERSEN 5: dopo una “rinascita” in Alta Badia tra le porte larghe, sembrava pronto a confermarsi anche nello slalom odierno. Dopo una prima manche con qualche alto e basso di troppo, parte a tutta nella seconda e sembra volare. Sbaglia, e finisce fuori pista, gettando alle ortiche una chance notevole.

MARCO SCHWARZ 4.5: sicuramente il recupero forzato dall’infortunio non lo sta presentando nel migliore dei modi al cancelletto di partenza, ma anche oggi è lontano anni luce dal campione che conoscevamo. Disputa una prima manche insufficiente, con intermedi pesanti, e completa la “frittata” uscendo di scena nel tratto conclusivo. Il modo peggiore per concludere il suo 2021.

MANUEL FELLER 4.5: come il suo connazionale spreca tutto già nella prima manche uscendo di scena troppo presto. Dopo il buon fine settimana dell’Alta Badia si conferma sempre da “dentro o fuori” e spreca tutto sulla 3-Tre.

Foto: Lapresse