NASCAR, il ‘Round of 16’ prosegue a Richmond

Proseguono da Richmond i NASCAR Playoffs 2021 per quanto riguarda la Cup Series. I 16 protagonisti iscritti affrontano il primo short-track presente nelle 10 prove che eleggono il campione della famosa categoria statunitense riservata alle ruote coperte.

Alex Bowman ha vinto in primavera questa prova. Il #48 di Hendrick Motorsport cerca di confermarsi in una pista in cui sono molti i candidati per il successo. Occhi puntati su Kyle Larson (2017), Kyle Busch (2018), Brad Keselowski (2014-2020), Kevin Harvick (2006-2011) e Denny Hamlin (2009-2010-2016), piloti che hanno conquistato almeno un’affermazione nella prova ‘autunnale’ di Richmond.

Il tracciato di questa settimana è composto da quattro curve con una pendenza costante di 14°. La metratura è di 1 chilometro e 210 metri, equivalente a 0,75 miglia. Il catino che sorge nello Stato della Virginia accoglie due prove nel corso della stagione, una caratteristica che condivide con quasi tutti gli impianti della Cup Series.

La ‘Southern 500’ di settimana scorsa ha visto molti piloti in difficoltà. Denny Hamlin (Gibbs #11) è stato di fatto l’unico a festeggiare imponendosi nel finale su Kyle Larson (Hendrick #5). Il tre volte vincitore della Daytona 500 si è imposto in South Carolina ed è già sicuro di un posto nel ‘Round of 12’. 

La situazione è ben diversa per altri protagonisti, out in una prova che è durata più di quattro ore. Michael McDowell (-20), William Byron (-9), Kyle Busch (-2) ed il già citato Bowman (-0) sono i quattro piloti che sono virtualmente out dalla lotta per il titolo, una situazione che può cambiare velocemente.

Tyler Reddick (+0), Aric Almirola (+3), Chase Elliott (+4) e Christopher Bell (+5) sono al momento i più vicini alla ‘zona di eliminazione’ a due gare dalla fine del ‘Round of 16’. Ricordiamo che quattro piloti saranno esclusi tra circa 7 gironi in quel di Bristol, tracciato ‘jolly’ in cui tutti possono avere un’occasione per ribaltare la graduatoria.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Moto3, risultati FP1 GP Aragon: Rodrigo detta il passo, bene gli italiani

IndyCar, la lotta per il titolo prosegue a Portland con un nuovo leader