Tennis, tutte le finali dell’Italia nei tornei del Grande Slam in campo maschile e femminile

Per la prima volta nella storia un italiano giocherà una finale di Wimbledon. Il torneo più prestigioso del mondo vide la luce nel 1877, ma sinora nessun tennista del Bel Paese aveva saputo raggiungere l’atto conclusivo in singolare. Né in campo maschile, dove un azzurro si era spinto al massimo semifinale, né tantomeno nel settore femminile. Anzi, sinora fra le donne la barriera dei quarti si è sempre rivelata insormontabile. Cinque giocatrici del Bel Paese sono arrivate nelle last eight (Lucia Valerio nel 1933, Laura Golarsa nel 1989, Silvia Farina nel 2003, Francesca Schiavone nel 2009 e Camila Giorgi nel 2018), ma nessuna di loro è stata capace di proseguire oltre.

Eppure in tempi recenti è stato proprio il gentil sesso a regalare l’emozione di una finale Slam. Abbiamo già raccontato la storia delle sei finali maschili, tutte però molto datate. L’ultima risaliva addirittura al 1976, anno dopo il quale l’Italia ha dovuto affrontare il più lungo digiuno tout-court della sua storia. Infatti sono passati 27 anni tra la finale a Parigi di Giorgio De Stefani (1932) e la prima delle quattro di Nicola Pietrangeli (1959), ne sono trascorsi 12 tra l’ultima di Pietrangeli (1964) e l’unica di Adriano Panatta (1976), ma dopo quest’ultima si sono dovute attendere 34 primavere prima della finale di Francesca Schiavone al Roland Garros nel 2010.

Undici anni orsono, la milanese scrisse una pagina di storia diventando la prima azzurra a vincere uno Slam nel singolare femminile, piegando, nella partita decisiva, la favorita Samantha Stosur 6-4, 7-6.  Schiavone dimostrò come quel risultato non fosse un caso issandosi alla finale anche del 2011, dove però si dovette inchinare col medesimo punteggio alla cinese Na Li.

Il periodo d’oro delle ragazze azzurre a Parigi proseguì con la sorprendente finale di Sara Errani nel 2012. La bolognese raggiunse il punto più alto della propria carriera superando Stosur in semifinale, ma nel match per il titolo non ebbe modo di contrastare la strabordante superiorità di Maria Sharapova, che la sconfisse 6-3, 6-2.

Infine, quello che può essere considerato il pinnacolo della storia tennistica italiana è il derby nella finale dello Us Open 2015, quando Flavia Pennetta e Roberta Vinci si incrociarono nella partita conclusiva. La tarantina, peraltro, in semifinale aveva clamorosamente eliminato Serena Williams, alla quale precluse la possibilità di completare il Grande Slam. Il titolo andò però alla brindisina, la quale ebbe ragione della corregionale con il punteggio di 7-6, 6-2.

Chiaramente, la sfida in famiglia di New York ha rappresentato la prima finale in singolare di un italiano o di un’italiana lontano da Parigi. Dopo averne giocate nove al Roland Garros e una (doppia) allo Us Open, da oggi anche Wimbledon si è aggiunto alla lista, poco meno di sei anni dopo il trionfo newyorchese. Manca all’appello l’Australian Open, ma forse è solo questione di tempo.

TUTTE LE FINALI SLAM ITALIANE
1932 – Roland Garros Maschile
Henri Cochet b. Giorgio De Stefani 6-0, 6-4, 4-6, 6-3

1959 – Roland Garros Maschile
Nicola Pietrangeli b. Ian Vermaak 3-6, 6-3, 6-4, 6-1

1960 – Roland Garros Maschile
Nicola Pietrangeli b. Luis Ayala 3-6, 6-3, 6-4, 3-6, 6-3

1961 – Roland Garros Maschile
Manuel Santana b. Nicola Pietrangeli 4-6, 6-1, 3-6, 6-0, 6-2

1964 – Roland Garros Maschile
Manuel Santana b. Nicola Pietrangeli 6-3, 6-1, 4-6, 7-5

1976 – Roland Garros Maschile
Adriano Panatta b. Henri Solomon 6-1, 4-6, 4-6, 7-6

2010 – Roland Garros Femminile
Francesca Schiavone b. Samantha Stosur 6-4, 7-6

2011 – Roland Garros Femminile
Na Li b. Francesca Schiavone 6-4, 7-6

2012 – Roland Garros Femminile
Maria Sharapova b. Sara Errani 6-3, 6-2

2015 – Us Open Femminile
Flavia Pennetta b. Roberta Vinci 7-6, 6-2

2021 – Wimbledon Maschile
Matteo Berrettini vs Novak Djokovic

Foto: La Presse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Pierre Gasly: sirene di mercato, divorzio con Alpha Tauri e Red Bull?

Basket, Virtus Bologna e Josh Adams: le strade si dividono