Nuoto, Olimpiadi Tokyo. Benedetta Pilato: “Nuotato una gara orribile, non so cosa ho fatto per essere squalificata”

Attendevamo tutti la gara di Benedetta Pilato nella batteria dei 100 rana, ma invece è stato un vero e proprio disastro. Forse i carichi di lavoro, forse la tensione della prima partecipazione ai Giochi Olimpici qui a Tokyo, ma nella sua batteria dei 100 metri rana non è riuscita minimamente a fare la differenza, venendo addirittura squalificata al termine della sua manche.

La giovanissima pugliese non aveva impressionato al termine della gara, chiudendo al quinto posto, ma dopo pochi secondi è arrivata la mazzata che ha cancellato con un colpo di spugna le già poche possibilità di sperare nell’accesso alla semifinale. La stessa Pilato è incredula per ciò che è accaduta: “Non so che cosa abbia fatto per poter essere squalificata, ora ricontrolleremo”.

Ma Benedetta non si nasconde dietro ad un dito ed è consapevole che, anche se non fosse arrivata la ‘bandiera nera’, la sua gara è stata davvero al di sotto del par, il suo tempo non sarebbe bastato a qualificarsi: “Ho fatto una gara orribile, bruttissima. Mi sentivo davvero stanchissima mentre nuotavo. Mi sentivo molto bene nel riscaldamento, francamente non ne ho idea”. La sua voce è rotta dalle lacrime che ricaccia in gola con orgoglio, quando le viene chiesto ai microfoni della RAI se avesse sentito troppa pressione: “Può darsi, non saprei. Ma ci penserò a mente fredda”.

Si chiudono in maniera mesta i Giochi Olimpici individuali di Benedetta Pilato, su cui in tanti avevano riposto molte speranze. A dare una diversa prospettiva a quanto successo è Martina Carraro, che dopo la qualificazione ha detto: “Era agitata prima della partenza. Lei è la detentrice del record del mondo sui 50 metri rana, ma ha sempre 16 anni. Mi dispiace per lei”.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Marta Cavalli: “Correre questa gara è stata un’emozione indescrivibile. Ho vissuto un sogno”

Nuoto Olimpiadi Tokyo, Martina Carraro: “Sono soddisfatta, dispiace per Benedetta Pilato”