Conor McGregor vs Dustin Poirier, il terzo atto dei campioni: Notorious per la rinascita, Diamond per dominare

Conor McGregor vs Dustin Poirier, terzo atto. Nella notte italiana tra sabato 10 e domenica 11 luglio (attorno alle ore 06.00) andrà in scena l’attesissimo confronto tra i due pesi leggeri: da una parte la grande stella delle arti marziali miste, un atleta che ha contribuito a diffondere la MMA in tutto il mondo e che cerca la sua rinascita sportiva dopo un periodo di appannamento; dall’altra un talentuoso fighter che è esploso nelle ultime tre stagioni e che sei mesi fa si prese il lusso di sconfiggere proprio il rinominato The Notorious con un micidiale ko tecnico per pugni nel corso del secondo round.

Attiva ora DAZN in offerta speciale fino al 28 luglio per 14 mesi a a 19,99€ al mese, invece di 29,99€ al mese

L’irlandese va a caccia della rivincita, sperando di ripetere il successo ottenuto sette anni fa a Las Vegas, mentre lo statunitense vuole la conferma dell’affermazione ottenuta lo scorso 24 gennaio ad Abu Dhabi. Sarà la T-Mobile Arena di Las Vegas (Nevada, USA) a fare da cornice a questo imperdibile match, che non mette in palio cinture mondiali ma che è il main event di UFC 264 e che attirerà l’attenzione di tutti gli appassionati questo sport e non solo. Conor McGregor ha sempre spostato le masse, nei palazzetti e davanti al televisore, dunque c’è grande attesa per capire se il 32enne tornerà ai livelli di un tempo o se inizierà il suo declino agonistico.

L’ex Campione del Mondo vanta un record di 22 vittorie e 5 sconfitte, ma gli ultimi tre anni non sono di certo stati eccezionali: il 6 ottobre 2018 perse per sottomissione contro il fenomeno Khabib Nurmagomedov, non riuscendo a riprendersi quel titolo che aveva dovuto cedere in seguito a due anni di inattività; il 18 gennaio sconfisse agevolmente Donald Cerrone per ko, poi restò fuori un altro anno (anche a causa della pandemia) e incappò nella sconfitta contro Poirier. Anche il 32enne statunitense non ha più combattuto dal successo negli Emirati Arabi Uniti. Nel suo cartellino figurano 27 vittorie e 6 sconfitte, ma negli ultimi cinque anni si è arreso soltanto a Nurmagomedov (sottomissione il 7 settembre 2019).

Il ribattezzato The Diamond è il numero 1 del ranking UFC di categoria e punta al successo di lusso contro l’attuale numero 5 per poi meritarsi la chance di affrontare Charles Oliveira, l’attuale Campione del Mondo dei pesi leggeri. McGregor punta al successo, poi forte della sua caratura potrebbe anche tornare a battagliare per il titolo iridato che conquistò già nel 2016. Pronostico della vigilia davvero molto difficile, l’americano sembra decisamente in forma e ha in dote degli ottimi colpi, ma la classe e il talento dell’irlandese, soprattutto dopo sei mesi di allenamenti mirati, vanno sempre tenuti in considerazione.

Diamo uno sguardo anche alle borse. Secondo Forbes, McGregor dovrebbe tornare a casa con 3 milioni di sterline (3,49 milioni di euro) assicurati e il 60% degli introiti provenienti dalle pay per view, dunque si stima un totale di circa 10 milioni di sterline (11,64 milioni di euro). Per Poirier, invece, 1 milione di sterline garantite (1,16 milioni di euro) e il 40% dei proventi da ppv, dunque circa 3 milioni di sterline.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Conor McGregor Dustin Poirier

ultimo aggiornamento: 09-07-2021


Lascia un commento

Basket: niente Olimpiadi per Juancho Hernangomez. Lunghissimo stop per lussazione acromioclavicolare

Calcio, Rio Ferdinand snobba l’Italia: “Inghilterra superiore, interessa poco chi sia l’altra finalista”