BMX, Olimpiadi Tokyo 2021. I favoriti: Paesi Bassi e USA le nazionali di riferimento sia tra gli uomini che tra le donne

Individuare i favoriti delle prove olimpiche di BMX è alquanto complicato. Innanzitutto, a causa del Covid, nell’ultimo biennio si è corso veramente poco e, dunque, i valori in campo, per forza di cose, non possono essere particolarmente chiari. Inoltre, la pista ove gareggeranno gli atleti a Tokyo è più lunga rispetto a quelle tradizionali, ragion per cui le gare risulteranno diverse rispetto al solito.

Per quanto concerne la gara maschile, la Nazione faro saranno i Paesi Bassi. Gli orange, infatti, possono fare affidamento sull’iridato del 2019 Twan van Gendt e sul due volte vincitore della Coppa del Mondo Niek Kimmann. Nutre forti speranze di medaglia anche la Francia. I transalpini schierano due fuoriclasse quali Sylvain André, campione del Mondo nel 2018, e Joris Daudet, il quale, invece, ha conquistato la maglia con l’effige dell’arcobaleno nel 2016.

Tra le nazionali di riferimento, inoltre, non si possono non citare gli Stati Uniti, anche se le condizioni di forma dei loro rappresentanti, al momento, non sono chiare. Ciò poiché quest’anno i portacolori degli USA hanno preso parte a pochissime competizioni. Ad ogni modo, Connor Fields, campione in carica della Coppa del Mondo e Oro a Rio 2016, non può non essere considerato uno dei favoriti principali.

Passando alla gara femminile, invece, le nazioni più quotate saranno nuovamente Paesi Bassi e Stati Uniti. La neerlandese Laura Smulders, vincitrice di quattro Coppe del Mondo e del titolo iridato nel 2018, sarà la punta della selezione orange. Gli USA, invece, possono vantare l’ultima trionfatrice di Mondiali e Coppa del Mondo Alise Willoughby.

Oltre alle due sopraccitate, l’altra grande favorita della gara femminile è l’oro di Rio Mariana Pajon. La colombiana, però, è reduce da un periodo non particolarmente positivo. La nativa di Medellin, infatti, non vince una prova di Coppa del Mondo dal 2017. Inoltre, il suo ultimo podio iridato risale proprio alla stagione appena citata.

Foto: Valerio Pagni

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Ciclismo, Olimpiadi Tokyo: Michal Schlegel positivo al Covid-19, salta la prova in linea

Tennis, Lorenzo Sonego: “Non voglio pormi limiti, l’obiettivo è vincere una medaglia”