Badminton, Olimpiadi Tokyo: i favoriti dei tabelloni maschile e femminile. Kento Momota appare imbattibile

La BWF, ovvero la federazione internazionale del badminton, ha diramato la lista definitiva degli atleti qualificati per i 5 tornei delle Olimpiadi di Tokyo: 87 uomini ed 86 donne si daranno battaglia per i titoli di singolare, maschile e femminile, e doppio, maschile, femminile e misto.

L’Italia non è riuscita a qualificare atleti nel badminton alle Olimpiadi di Tokyo, che sarà in programma da sabato 24 luglio a lunedì 2 agosto, con le finali per l’oro in programma tra domenica 1 e lunedì 2 agosto, e le finali per il bronzo  spalmate tra sabato 31 luglio e lunedì 2 agosto.

Nel singolare maschile il nipponico Kento Momota appare imbattibile, anche se proveranno a rovinargli la festa in casa il rappresentante di Cina Taipei Chou Tien Chen ed i danesi Anders Antonsen e Viktor Axelsen. Come possibile sorpresa occhio al cinese Chen Long.

Nel singolare femminile il forfait della spagnola Carolina Marin, oro a Rio 2016, ha reso il pronostico molto aperto: in pole position ora c’è la cinese Chen Yu Fei, ma le nipponiche Nozomi Okuhara ed Akane Yamaguchi vorranno fare bene in casa. Attenzione alla thailandese Ratchanok Intanon.

Nel doppio maschile la sfida per l’oro potrebbe essere un affare tra le due coppie indonesiane composte da Marcus Fernaldi Gideon e Kevin Sanjaya Sukamuljo e da Mohammad Ahsan ed Hendra Setiawan. A tentare l’exploit sarà la coppia cinese formata da Li Jun Hui e Liu Yu Chen.

Nel doppio femminile tutto potrebbe risolversi con un derby, stavolta nipponico, tra le coppie formate da Yuki Fukushima e Sayaka Hirota e da Mayu Matsumoto e Wakana Nagahara. Anche in questo caso potrebbe inserirsi una coppia cinese, quella composta da Chen Qing Chen e Jia Yi Fan.

Nel doppio misto l’affare questa volta potrebbe essere tutto cinese, con le coppie composte da Zheng Si Wei e Huang Ya Qiong e da Wang Yi Lyu e Huang Dong Ping. A provare ad intromettersi sarà la coppia thailandese formata da Dechapol Puavaranukroh e Sapsiree Taerattanachai.

Foto: Bonma Suriya Shutterstock.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Calcio, l’amministratore delegato del Milan ha un cancro alla gola. L’annuncio arriva dal club rossonero

Tokyo 2021, Valentina Vezzali si complimenta con Paola Egonu: “Vederti sfilare sarà un orgoglio per l’Italia”