Nuoto, Benedetta Pilato: “A Tokyo vorrò migliorarmi, l’apprezzamento di Federica Pellegrini mi ha fatto effetto”

Andati in archivio gli Europei di Budapest, Benedetta Pilato si prepara a vivere le sue prime Olimpiadi. Tokyo per lei è stata una sorpresa, un qualcosa di non previsto, probabilmente reso possibile dal posticipo della rassegna per la pandemia senza cui avrebbe fatto fatica a ottenere il tempo utile per la qualificazione nei 100 rana.

Lei, primatista del mondo nell’unica vasca, è costretta a cimentarsi nella distanza doppia per l’assenza della sua specialità principale nel programma a Cinque Cerchi. Lavorando con dedizione e applicazione, la classe 2005 del Bel Paese ha saputo trovare anche ottime risposte in questa gara, ma lo standard prestazionale è ancora lontano dai livelli raggiunti nell’altra prova.

E dunque quale sarà l’obiettivo per Tokyo?Proverò a migliorare, non so neanche cosa aspettarmi perché è la mia prima Olimpiade, non le ho mai viste nemmeno in tv perché non amo molto guardare sport in televisione“, le parole di Benny a “Un giorno da pecora” su Radio Rai. Il suo talento, comunque, è indiscutibile e nessun traguardo le è precluso a priori, al punto che anche Federica Pellegrini l’ha lodata per le sue qualità morali: “Mi fa piacere che abbia usato parole di apprezzamento nei miei confronti. Detto da un’atleta del suo calibro mi fa ancora più effetto, spero di arrivare un giorno ai suoi livelli“, le considerazioni di Pilato.

Una ragazza, la pugliese, molto determinata e testarda che ha scelta lo stile più complicato della vasca: “E’ una cosa che mi viene naturale“. Una ragazzina che ama fare sport da quando ha incontrato il suo tecnico Vito D’Onghia: “Quando l’ho conosciuto avevo 5 anni, con lui mi divertivo, mi diverto e quindi pian piano il nuoto mi è piaciuto maggiormente“.

E, quindi, con la voglia di divertirsi a gareggiare in un contesto sconosciuto l’azzurrina si presenterà per stupire in Giappone.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, Matteo Berrettini: “Le urla di Djokovic mi hanno fatto piacere. Sinner e Musetti? Anche gli altri contano”

Hockey prato, Europei 2021: altra sconfitta per l’Italia, 3-1 per la Scozia