IndyCar, Belle Isle: due prove da non perdere tra i muri di Detroit

Con ancora in mente il quarto acuto del brasiliano Helio Castroneves alla 500 Miglia di Indianapolis, la NTT IndyCar Series si prepara per il secondo ed al momento ultimo doubleheader del 2021 in quel di Belle Isle. Dopo una stagione di assenza in seguito all’emergenza sanitaria, i protagonisti della categoria tornano a sfrecciare tra i muri della famosa isola che sorge a Detroit per due prove che negli anni hanno regalato parecchie emozioni. Saranno due le corse in programma con la medesima distanza all’interno dei 3 chilometri e 78 metri di un tracciato non permanente che si articola in 14 curve.

Lo spagnolo Alex Palou è il leader della classifica generale dopo sei interessanti round. Al momento nessuno ha due successi all’attivo, un segno di quanto è equilibrata fino ad ora questa stagione. Il #10 del Chip Ganassi Racing, secondo ad Indy500 e primo al Barber Motorsport Park (Alabama), vanta 36 punti di vantaggio sulla concorrenza capitanata dal teammate Scott Dixon (Chip Ganassi Racing #9). Quest’ultimo, grande deluso ad Indy dopo una spettacolare pole-position, è uno dei favoriti a Detroit, evento in cui ha trionfato in almeno una delle due corse disputate negli ultimi due anni.

Il neozelandese sei volte campione della categoria è un osservato speciale insieme agli alfieri di Penske che non hanno ancora primeggiato in questo 2021. L’americano Josef Newgarden #2, l’australiano Will Power #12 ed il francese Simon Pagenaud #22 inseguono la prima gioia per la formazione del ‘Capitano’ che ha mancato l’appuntamento ‘in casa’ di Indianapolis. Il #12 di Penske vinse nel 2014 e nel 2016 in quel di Belle Isle, mentre il transalpino trionfò nel 2013 in quello che fu il primo acuto nell’IndyCar.

Un uomo da tenere d’occhio nel doubleheader di Belle Isle è sicuramente Graham Rahal. Il #15 di Chevrolet, a muro all’Indy500 in curva 2 in seguito al mancato avvitamento della posteriore sinistra, è l’unico della storia di questo evento ad aver messo in bacheca entrambe le sfide in programma. Il figlio di Bobby Rahal dominò la scena nel 2017 nei 70 giri previsti nel cittadino che sorge nello Stato del Michigan.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

WEC, 8h Portimao: debutto di Glickenhaus tra le Hypercar, Ferrari all’attacco in GT

Atletica, Filippo Tortu correrà a Ginevra: domani ritorno sui 100 metri dopo Rieti. Tanti azzurri in gara