Hockey prato, Europei 2021: altra sconfitta per 4-0 per l’Italia, tutto facile per la Germania

Niente da fare per la Nazionale italiana al femminile di hockey su prato. Il periodo non ha permesso grande rodaggio della squadra, poi le avversarie sono di un gradino superiore per le azzurre: arriva la terza sconfitta su tre per la banda guidata da Roberto Carta agli Europei in quel di Amsterdam. Nei Paesi Bassi la compagine tricolore viene battuta, ancora una volta per 4-0, anche dalla Germania.

Tedesche a segno dopo 4′ con Jette Fleschuetz su azione, con le azzurre brave a limitare i danni fino alla sirena di metà gara, riuscendo anche ad insidiare la porta avversaria in qualche occasione. Nel terzo quarto salgono in cattedra le teutoniche che allungano fino al 3-0 con le reti di Stapenhorst e Lorenz. Le italiane trovano una reazione d’orgoglio provando in tutti i modi a trovare la rete, sprecando più corner corti. Il risultato lo arrotonda sul finale Wortmann.

Ora per le azzurre, nei prossimi giorni, ci sarà un mini girone con tutte le ultime due classificate nei gruppi preliminari: l’obiettivo è quello di provare a centrare la salvezza e la permanenza nella massima serie europea.

Foto: FIH

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Europei hockey prato 2021 Nazionale Femminile Hockey Prato

ultimo aggiornamento: 09-06-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, Jannik Sinner: “Devo mettere su muscoli, non ne ho molti. Lavoro su mobilità e forza”

F1, chi è Benedetto Vigna? Il curriculum del nuovo amministratore di Ferrari. Cosa cambia a Maranello?