Basket, finale Serie A 2021: Bologna cala il tris nel match più brutto, Weems spedisce Milano all’inferno

Vince Bologna la sfida più brutta delle finali fino a ora, vince la Virtus nonostante percentuali bassissime anche per i ragazzi di Djordjevic, ma Milano fa peggio e non basta un terzo quarto da sogno di Datome e almeno tre rimonte per fermare la corsa di Bologna che ora è a una sola vittoria dal titolo.

Il primo quarto inizia come era finita gara 2, con Milano che non riesce a trovare la via del canestro (0/5 dal campo) e la Virtus che nonostante non abbia medie molto migliori (1/7 da due punti) allunga sul 5-0. Un gioco da tre punti di Micov, la grande novità delle finali, riavvicina l’Olimpia in una prima parte del match dove sono decisamente gli errori a farla da padrone e dove la Virtus, come anche nelle due sfide al Forum, è molto più fallosa degli ospiti. Una tripla di Shields dopo poco più di sei minuti di gioco dà il primo vantaggio a Milano sul 7-8, ma subito risponde Weems per il nuovo +2 Virtus. Un errore banale di Datome con Bologna che aveva una rimessa con 2,8 secondi da giocare regala fallo e liberi a Belinelli e padroni di casa che allungano sul +3. Fallo anche di Pajola e seconda giocata da tre punti per Micov e parità. Quasi sulla sirena canestro di Teodosic e si va al primo stop con la Virtus avanti 17-16.

Ed è ancora il serbo a fare la differenza a inizio secondo quarto. Tripla e fallo subito e Bologna che scappa via sul 21-16. Ancora la Virtus e Messina subito obbligato a chiamare timeout sul -7 per la sua squadra. Ancora tantissimi errori in attacco per Milano (1/8 da oltre l’arco), non sbaglia la squadra di casa che porta il parziale sul 14-0, prima che tre liberi di Punter sblocchino Milano nel secondo periodo. Ancora Punter cerca di tenere l’Olimpia in partita, tripla e -8. Ancora l’ex Virtus a segno e ospiti che accorciano sul 30-26 a metà periodo. Aumenta il parziale di Milano sul 12-2, mentre i padroni di casa iniziano a sbagliare troppo palla in mano. E arriva la tripla di Brooks che chiude la rimonta e i ragazzi di Messina che passano in vantaggio, con la Virtus che non segna da oltre 5 minuti. Si sblocca con la tripla di Weems Bologna, poi ancora il numero 34 delle V-Nere prende rimbalzo, segna e subisce fallo e riallunga la squadra emiliana sul +4. Arrivano i primi punti di Rodriguez, con la tripla, poi fallo dello spagnolo e si va al riposo con la Virtus Bologna avanti 37-34.

Due triple di Teodosic e Weems rilanciano nuovamente la Virtus a inizio ripresa, con Milano che sbaglia un paio di canestri facili e vede i padroni di casa scappare sul +8 dopo 90 secondi di gioco. Non trova soluzioni offensive l’Olimpia, soffre tantissimo in difesa e Virtus che scappa via a +12. Nuovamente arriva la reazione degli ospiti che con Datome mette in scena un parziale di 7-0 e si porta sul 49-44 poco dopo metà quarto. Tanti errori ancora da entrambe le parti, poi fallo di Alibegovic e arrivano due liberi e fallo tecnico a Djordjevic e Milano torna a -3. Nervosa e fallosa Bologna, e la squadra di Messina si avvicina ancora dalla lunetta e un fallo in attacco di Hunter manda nuovamente Datome ai liberi e Milano che rimette la testa avanti a 90 secondi dall’ultimo stop. Si sblocca la Virtus con Weems che ancora una volta trova la tripla del nuovo +2. Segna Shields e si va all’ultimo riposo in perfetta parità sul 52-52 in un match dalle percentuali per entrambe le squadre sotto il 40% dal campo.

Come nei tre periodi precedenti, ancora una volta la Virtus parte meglio negli ultimi 10 minuti e allunga sul +6. Tripla di Pajola per un allungo ulteriore, con Milano ancora una volta che non trova le contromisure e il solito Weems da oltre l’arco ridà la doppia cifra ai suoi. Bologna che domina sui rimbalzi in attacco e la tripla di Teodosic a 150 secondi dalla fine chiude virtualmente il match con il +13 per la Virtus. Match ormai chiuso, con Milano che come in gara 2 scompare nell’ultimo quarto in attacco (24-6 il parziale) e Bologna che vince 76-58 e va sul 3-0 nella serie, a una vittoria dal titolo.

Credits: Ciamillo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

WTA Bol 2021, Martina Trevisan si impone in due set su Anna Karolina Schmiedlova

LIVE Virtus Bologna-Olimpia Milano 76-58, Finale Serie A basket in DIRETTA: la Segafredo si porta sul 3-0 nella serie