MotoGP, Fabio Quartararo: “Una vittoria che non posso festeggiare, ogni volta che passavo in curva 9 pensavo a Jason”

Fabio Quartararo vince il Gran Premio d’Italia, sesto appuntamento del Mondiale MotoGP 2021 ed allunga in maniera decisa in classifica generale. Una domenica da incorniciare per il pilota francese che approfitta della scivolata iniziale di Francesco “Pecco” Bagnaia e conduce in porto senza alcun problema la gara del Mugello, dominando letteralmente dall’inizio fino all’ultimo metro.

“El Diablo” era uno dei grandi favoriti per la gara odierna e, dopo l’uscita di scena del ducatista, ha letteralmente vinto in carrozza sulla pista toscana, centrando il terzo successo della sua annata, ribadendo a tutti che il favorito per il titolo iridato non può che essere lui. Il suo commento al termine della gara del Mugello, ovviamente, è un mix difficile da spiegare. “Oggi è stata una giornata davvero difficile e strana – ammette il nativo di Nizza nel corso delle interviste di rito sotto il podio -. Nella nostra mente sono passate tantissime emozioni, non c’è dubbio. Il minuto di silenzio per commemorare Jason Dupasquier è stato durissimo, nei nostri cuori il colpo è stato forte. Correre non è stato semplice, ogni volta che passavo per curva 9, ovvero il punto dove è avvenuto il terribile incidente di ieri, il mio pensiero andava sempre a Jason. Non posso essere felice per questo successo, ogni pensiero non può che andare al fatto che abbiamo perso un nostro amico. Tutto il resto passa in secondo piano. Se fosse giusto non correre? No, non l’abbiamo mai pensato”.

Il francese, che ha voluto portare con sé una bandiera della Svizzera proprio in onore di Dupasquier, prova quindi a comporre un riassunto del suo weekend in terra toscana. “Sono andato bene sia in qualifica sia in gara e la vittoria mi dà 25 punti importanti. Mi sento bene con la mia moto. Rispetto ad un anno fa sono cresciuto molto. Nonostante le difficoltà il 2020 mi ha insegnato davvero tanto. Ora so cosa devo fare e la moto mi segue. Il braccio è ok dopo l’operazione e una gara simile non può che darmi ulteriore fiducia sul prosieguo della stagione”. 

Credit: MotoGP.com Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Miguel Oliveira: “E’ stata una buona gara, purtroppo questo sport è crudele a volte”

Giro d’Italia 2021, foratura di Filippo Ganna nella cronometro di Milano