Helio Castroneves vince la 500 Miglia di Indianapolis per la quarta volta ed entra nella storia!

Helio Castroneves entra nella storia della 500 Miglia di Indianapolis! Il brasiliano di casa Shank Racing firma la 105^ edizione della famosissima competizione statunitense, la quarta in carriera. Il #06 dell’IndyCar si impone ad 11 anni dall’ultima apparizione nella victory lane del catino di Indianapolis Motor Speedway al termine di una gara bellissima. Il 46enne diventa il quarto uomo a conquistare per la quarta volta questa mitica sfida nel catino di Speedway eguagliando A. J. Foyt, Al Unser e Rick Mears.

Il ‘The Greatest Spectacle in Racing’ si è aperto sotto il controllo dell’olandese Rinus Veekay. Il #21 del gruppo ha preso il comando nei primi passaggi beffando l’americano Colton Herta (Andretti #26) ed il neozelandese Scott Dixon (Chip Ganassi Racing #9), autore della pole-position. La situazione è rimasta lineare nei primi passaggi con Herta all’inseguimento di Veekay che ad inizio mese vinse l’appuntamento sullo stradale di Indianapolis.

Il primo colpo di scena è arrivato al 33° passaggio quando, all’inizio dei pit stop, Stefan Wilson #25 ha perso il controllo dell’auto all’ingresso dei box innescando la prima caution di giornata. Nel corso della Safety Car abbiamo assistito al primo colpo di scena con dei problemi di Dixon #9 ed il californiano Alexander Rossi (Andretti #28).

Alla ripartenza, avvenuta al giro 47, Veekay ha ripreso le redini della corsa, mentre Rossi e Dixon provavano disperatamente di recuperare il giro perso. Il secondo turno di soste, il primo completamente con in green flag, ha mantenuto l’olandese in vetta prima di cedere il passo all’americano Conor Daly (Ed Carpenter #47). 

Poco dopo il centesimo passaggio la gara è cambiata nuovamente con il messicano Pato O’Ward (McLaren #5), una situazione che ha preceduto il primo vero incidente dell’Indy500 2021. L’americano Graham Rahal (Rahal #15), leader della corsa al pit, ha perso il controllo della propria monoposto all’uscita della curva 2 in seguito ad una gomma non avvitata correttamente. La posteriore sinistra è stata persa dallo statunitense che non ha potuto controllare il mezzo nella corsia che riporta i protagonisti in pista. Nell’incidente è stato coinvolto anche Daly che ha colpito la ruota che ha pericolosamente attraversato il circuito.

Alla ripartenza abbiamo assistito ad una spettacolare battaglia tra il brasiliano Helio Castroneves (Shank #06), Alex Palou (Chip Ganassi Racing #10) ed O’Ward per la prima posizione. I tre sono rimasti attaccati fino a meno di 40 giri alla conclusione quando, con una mossa all’interno, Castroneves ha preso il comando. Il sorpasso dell’ex alfiere di Penske ha preceduto l’ultimo turno di soste in green, una fase cruciale in vista degli ultimi passaggi dell’Indy500.

Gli ultimi 20 passaggi sono stati semplicemente spettacolari con Palou che si è alternato al comando con Castroneves. Alle loro spalle si è formato un vero e proprio trenino con O’Ward ed il padrone di casa Ed Carpenter (Ed Carpenter #20). Lo spagnolo Palou ha provato a beffare Helio che negli passaggi ha compiuto qualcosa di incredibile.

Prossimo appuntamento della stagione dell’IndyCar tra due settimane a Detroit.

Risultato finale Indy500

  1. Helio Castroneves
  2. Alex Palou
  3. Simon Pagenaud
  4. Pato O’Ward
  5. Ed Carpenter

 

Foto: shutterstock

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket 3×3: Polonia, Olanda e Lettonia staccano il pass olimpico per Tokyo

Roland Garros 2021, risultati femminili 30 maggio: avanti Kvitova ed Azarenka, fuori Kerber e Cocciaretto