Volley, Finale Scudetto: c’è solo Civitanova sul campo di Perugia. 3-0 e Lube avanti 2-1 nella serie

E’ una finale da trasferta. Per la terza volta consecutiva salta il fattore campo nella serie che assegna lo scudetto con la Lube Civitanova che espugna con un secco 3-0 il campo della Sir Safety Perugia e si porta avanti 2-1 nella serie, riconquistandosi il diritto di giocare in casa il match ball tricolore. Tutto, o quasi, bene in casa Civitanova, che ha giocato una gara di grande spessore in battuta e a muro, concedendo qualcosa a Perugia in attacco. La Sir Safety di questa sera, però, non era in grado di approfittare di alcun dono: troppo fallosa, evanescente e imprecisa per essere vera, lontana parente della squadra che tre giorni fa aveva espugnato l’Eurosuole Forum ma anche della squadra che una settimana fa aveva creato qualche grattacapo agli avversari che oggi hanno potuto giocare sul velluto.

Squadre confermate con Atanasijevic titolare in casa Perugia, mentre Blengini conferma la sua formazione titolare carica di rabbia per la sconfitta subita domenica scorsa. C’è equilibrio nella prima parte di gara ma nella fase centrale del primo set la Lube alza il ritmo in battuta e soprattutto a muro con Simon e Anzani che chiudono tutte le strade agli attaccanti avversari, di fatto mettendo la museruola alle bocche da fuoco rivali fino al 25-20 che chiude il primo set a favore della squadra marchigiana.

Non si ferma la Lube Civitanova nel secondo set. De Cecco pennella, Leal è implacabile e non sbaglia praticamente niente: i marchigiani volano sul 9-4 e aumentano ancora il vantaggio fino al 18-11 con un tris di ace di Leal. Nel finale Leon prova a riportare a galla la Sir Safety che però non riesce ad agganciare i rivali e si arrende con il punteggio di 25-18.

Non c’è partita neppure nel terzo set con Perugia che prova a fare la voce grossa in avvio ma Civitanova vola avanti 8-6. Il vantaggio si dilata grazie anche alla prova perfetta in questo parziale dell’opposto della Lube Rychlicki chiamato a più riprese da De Cecco, ispiratissimo. La Sir Safety va in tilt, Travica commette tre invasioni consecutive, la Lube va sul +10 e chiude Anzani per il 25-14 che completa il trionfo marchigiano.

Per la Lube Leal straripante con 15 punti all’attivo, 10 punti per Juantorena, mentre 12 punti a testa con Atanasijevic e Leon. Tanti gli errori in casa Sir Safety.

Foto LiveMedia/Loris Cerquiglini

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Ginnastica artistica, Italia alle Olimpiadi con 5 ragazze: squadra e spareggio Ferrari-Mori. Salta l’ultimo pass

ATP Barcellona 2021: Rafael Nadal perde un set con Ivashka, ma passa. Ok Tsitsipas e Schwartzman, italiani in giornata no