Rugby, Italia: una Superlega per rilanciare la palla ovale d’élite

Il rugby italiano sta vivendo un momento difficile, tra i risultati che non arrivano tra nazionale, Benetton Treviso e Zebre, e i problemi economici che si sono enfatizzati con la pandemia. Da anni il campionato italiano ha perso d’interesse mediatico, di qualità, relegato gioco forza nelle realtà di provincia e che fatica a diventare quel trampolino di lancio verso l’alto livello che era stato ipotizzato con l’ingresso dell’Italia nella Celtic League.

A marzo Marzio Innocenti ha vinto le elezioni federale, spodestando dopo otto anni Alfredo Gavazzi dalla presidenza Fir. Il nuovo numero 1 del rugby italiano ha promesso grandi rivoluzioni nel rugby azzurro per risalire la china e se in queste prime settimane ancora si è visto poco di quanto promesso (la sola rimozione di Franco Ascione da responsabile tecnico è troppo poco in una macchina che ha mostrato limiti a tutti i livelli, anche quelli finanziari, di marketing e comunicazione) sicuramente la riforma del massimo campionato italiano è uno dei temi più attesi, più interessanti e che sta creando più polemiche.

Il progetto pensato da Innocenti è molto chiaro e lo ha spiegato fin dalle prime ore dopo la sua vittoria. “Uno sport non può sostenersi senza un campionato domestico importante. Il calcio deve insegnarci tante cose, ogni settimana attira l’attenzione di appassionati, media e investitori. Vorrei fare una SuperLega, in cui si entra per criteri che stabilirà la Federazione di tipo economico-finanziario, tecnico-sportivo, strutturale-organizzativo. Vorremmo strutturarla sullo stile dell’Nba con un Commissioner e un Consiglio dei proprietari che abbiano libertà e autonomia per un campionato di grande interesse. Al di sotto ci sarebbe lo sport non professionistico, in cui ci sono tutte le declinazioni del rugby: dai semi professionisti al livello ludico”.

Per strutturare questo nuovo campionato la Fir potrà attingere ai circa 60 milioni di euro che arriveranno dall’accordo tra Pro 14 e Sei Nazioni con il fondo CVC, ma soprattutto il progetto di Innocenti prevede un campionato “chiuso”, cioè senza promozioni e retrocessioni. “Sarà un campionato senza retrocessioni, nella quale si ha diritto di cittadinanza non per meriti sportivi, ma corrispondendo a precisi criteri economici, strutturali e organizzativi” le sue parole, con il numero 1 della Fir che ha evidenziato come, per arrivare a questi criteri, buona parte degli attuali club del Top 10 dovranno o fare un passo indietro, dando spazio a nuove realtà territoriali, o diventare espressione di più club uniti.

Foto: Alessio Tarpini/LPS

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Federazione Italiana Rugby SuperLega Top 10 rugby 2020-2021

ultimo aggiornamento: 21-04-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Mattia Binotto: “Il podio mancato a Imola non ci soddisfa e ciò significa che stiamo lavorando nel modo giusto”

MotoGP: oggi l’operazione di Jorge Martin. In dubbio la sua presenza anche a Le Mans