Pattinaggio artistico, dominio russo nello short femminile al World Team Trophy 2021, brillano le azzurre

Dilaga la Russia nello short individuale femminile, seconda prova della prima giornata del World Team Trophy 2021, competizione biennale a squadre di pattinaggio artistico in fase di svolgimento a Osaka (Giappone), presso la Maruzen Intec Arena. A conquistare le prime due posizioni della classifica, portando a favore del proprio team ben 23 punti, sono state rispettivamente la Campionessa e la Vice Campionessa del Mondo, Anna Shcherbakova ed Elizaveta Tuktamysheva.

La detentrice del titolo, sulla falsa riga di quanto successo a Stoccolma, è stata protagonista di una performance convincente; dopo aver ruotato un doppio axel di grande bellezza l’atleta di Eteri Tutberidze ha realizzato il triplo flip (redarguito con la chiamata di filo non chiaro) e, in zona bonus, la proficua combinazione triplo lutz/triplo rittberger. Facendo il pieno nel grado di esecuzione in tutte le tre trottole pianificate, chiamate di livello 4 come la sequenza di passi, la moscovita ha fissato il suo punteggio a 81.07 (43.51, 37.56), ritoccando il suo primato personale di sette centesimi.

Ennesima prestazione di alto livello per Tuktamusheva, anche in questa occasione autrice di un programma pressoché perfetto, inaugurato con un bellissimo triplo axel e proseguito con il triplo lutz combinato con il triplo toeloop e con il triplo flip; seppur con una piccola defaillance nella prima trottola presentata, la fly camel, la veterana pupilla del Maestro Mishin ha scavallato gli 80 punti registrando 80.35 (45.43, 34.92), regolando di tre lunghezze una davvero strabiliante Kaori Sakamoto, la quale ha confezionato il miglior short della carriera valutato 77.78 (41.94, 35.84).

Una caduta sanguinosa nel primo elemento, il triplo axel (chiamato sottoruotato), ha inchiodato un’acciaccata Rika Kihira al quarto posto con 69.74 (35.70, 35.04); la padrona di casa, alle prese con dei dolori alla schiena, pur semplificando in generale il programma è comunque riuscita a raddrizzare in qualche modo il tiro con triplo flip/triplo toeloop (chiamato sul quarto) e con il triplo rittberger. Più indietro le due statunitensi Bradie Tennell e Karen Chen, rispettivamente quinta e sesta con 67.40 (33.36, 34.04) e 62.48 (30.08, 33.40).

Gara da incorniciare per le azzurre, le quali hanno superato senza patemi le avversarie da battere, ovvero le francesi e le canadesi, aspetto tutt’altro che banale. Lara Naki Gutmann, settima con 60.45 (31.05, 29.40) ha catturato l’attenzione del pubblico con una qualità di pattinaggio importante, eseguendo la combinazione triplo toeloop/triplo toeloop (chiamato sul quarto), il triplo lutz (chiamato con il filo d’entrata con chiaro) con le braccia alzate durante la rotazione e il doppio axel in zona bonus, fattore che ha spinto l’allieva di Gabriele Minchio ad agguantare 60.45 (31.05, 29.40); una splendida reazione dopo il segmento più breve dei Campionati Mondiali, contrassegnato da qualche sbavatura di troppo.

Debutto più che positivo per Ginevra Negrello, ottava con 59.55 (31.23, 28.32): l’azzurra varesina seguita da Alessandra Buzzi ha snocciolato anche lei la combinazione triplo toeloop/triplo toeloop (chiamato sul quarto), per poi passare in rassegna il triplo rittberger come salto singolo e il doppio axel, sfiorando anche lei quota 60 con 59.55 (31.23, 29.40), non sfigurando sul lato interpretativo, in particolare nella seconda metà della prova.

Dopo la seconda gara dell’evento è dunque in testa il Team della Russia con 35 punti, seguito da quello Giapponese (27) e Statunitense (22). Segue quindi al quarto posto l’Italia con 22, poi Canada(14) e Francia (12).

CLASSIFICA SHORT PROGRAM INDIVIDUALE FEMMINILE

Pl. Competitor Nation TSS TES PCS SS TR PE CO IN Deduction StN.
1 Anna SHCHERBAKOVA  RUS 81.07 43.51 37.56 9.25 9.20 9.50 9.50 9.50 0.00 #11
2 Elizaveta TUKTAMYSHEVA  RUS 80.35 45.43 34.92 8.80 8.45 8.90 8.65 8.85 0.00 #10
3 Kaori SAKAMOTO  JPN 77.78 41.94 35.84 9.15 8.70 9.05 9.00 8.90 0.00 #8
4 Rika KIHIRA  JPN 69.74 35.70 35.04 8.90 8.70 8.55 8.90 8.75 1.00 #12
5 Bradie TENNELL  USA 67.40 33.36 34.04 8.40 8.45 8.55 8.55 8.60 0.00 #9
6 Karen CHEN  USA 62.48 30.08 33.40 8.40 8.25 8.15 8.50 8.45 1.00 #7
7 Lara Naki GUTMANN  ITA 60.45 31.05 29.40 7.25 7.25 7.35 7.50 7.40 0.00 #6
8 Ginevra Lavinia NEGRELLO  ITA 59.55 31.23 28.32 7.05 7.05 7.10 7.05 7.15 0.00 #1
9 Alison SCHUMACHER  CAN 59.19 30.31 28.88 7.25 7.05 7.20 7.35 7.25 0.00 #5
10 Gabrielle DALEMAN  CAN 57.22 25.86 31.36 8.00 7.65 7.65 7.95 7.95 0.00 #2
11 Maia MAZZARA  FRA 55.31 27.87 27.44 6.95 6.70 6.85 6.95 6.85 0.00 #3
12 Lea SERNA  FRA 55.28 28.56 27.72 7.05 6.80 6.75 7.00 7.05 1.00 #4

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica artistica, Europei 2021: tutte le stelle. Russia fortissima, Iordache torna, de Jesus difende. L’Italia, Wevers, Uk…

Basket, Massimo Zanetti: “Ora non è il momento di fare cambiamenti. Ci penseremo più avanti”