Liegi-Bastogne-Liegi 2021: Tadej Pogacar beffa Alaphilippe! 4° Valverde, 16° Formolo

Dal Tour de France alla Liegi-Bastogne-Liegi: è il nuovo dominatore del ciclismo internazionale e lo dimostra a suon di vittorie. Tadej Pogacar non sbaglia e trova un altro trionfo impressionante: il fenomeno sloveno della UAE Emirates si impone nella Doyenne, la terza Classica Monumento stagionale, battendo in un testa a testa in volata il campione del mondo Alaphilippe.

Sette corridori si sono mossi nella prima fase di gara e sono andati a formare la fuga di giornata: l’inglese Laurens Huys e l’olandese Mathijs Paasschens (entrambi della Bingoal Pauwels Sauces WB), il belga Loic Vliegen e l’italiano Lorenzo Rota (entrambi della Intermarché-Wanty-Gobert-Materiaux), il russo Sergej Chernetskii (Gazprom-RusVelo), il polacco Tomasz Marczynski (Lotto Soudal) ed il belga Aaron Van Poucke (Sport Vlaanderen-Baloise). Il gruppo ha lasciato molto spazio, facendo arrivare il gap fino a 10′, salvo poi iniziare ovviamente a mano a mano a ricucire.

Iniziate le Côtes sono ovviamente partiti i movimenti nel plotone principale. L’attacco più importante, dopo il Col du Rusier, è stato quello portato avanti da Padun (Bahrain Victorius), Donovan (DSM) e Vanhoucke (Lotto Soudal). Da segnalare diverse forature, tra le quali quelle di Pogacar e Fabbro.

La corsa, come di consueto, è esplosa sulla Côte de La Redoute: accelerazione mostruosa della INEOS Grenadiers che ha spaccato il gruppo. Nella discesa successiva si è ricompattata la situazione, mentre davanti uno degli ultimi coraggiosi a resistere è stato un super Lorenzo Rota.

Molto tatticismo in gruppo, ma nuovamente la INEOS Grenadiers è riuscita a prendere in mano la gara: attacco di Adam Yates che ha portato via un drappello con il compagno di squadra Richard Carapaz e altri nomi di lusso (presente anche Pogacar). Proprio l’ecuadoriano, vincitore del Giro d’Italia 2019, è partito in solitaria ad una ventina di chilometri dall’arrivo.

L’ultima Côte, quella della Roche Aux Faucons, ha visto finalmente lo scontro diretto tra i big, dopo l’accelerazione di Davide Formolo. Sono riusciti ad evadere in cinque: Pogacar (AUE Team Emirates), Alaphilippe (Deceuninck Quick Step), Valverde (Movistar), Woods (Israel Start Up Nation) e Gaudu (Groupama FDJ). Accordo per il quintetto che è arrivato a giocarsi il successo in volata.

Ad aprire lo sprint è stato il veterano Valverde, ma il testa a testa è stato quello tra il campione del mondo Alaphilippe ed il vincitore dell’ultimo Tour de France Pogacar, con lo sloveno che è riuscito a prevalere con il colpo di reni. Terza piazza per Gaudu, poi Valverde e Woods. A regolare il plotone inseguitore Hirschi; migliore degli italiani Formolo, sedicesimo.

Foto: Lapresse

L’ORDINE D’ARRIVO DELLA LIEGI-BASTOGNE-LIEGI

TADEJ POGACAR: “IO RE DEL CICLISMO? STO VIVENDO UN SOGNO. OGGI SONO STATO FORTUNATO”

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Liegi-Bastogne-Liegi 2021: ordine d’arrivo e classifica. Vince Pogacar, 15° Formolo, 61° Fabio Aru

VIDEO Liegi-Bastogne-Liegi 2021, il graffio di Tadej Pogacar: lo sloveno batte Alaphilippe allo sprint