Pattinaggio artistico: Yuzuru Hanyu incanta e si piazza in testa dopo lo short ai Mondiali 2021, Rizzo undicesimo

La grande bellezza approda all’Ericsson Globe Arena di Stoccolma, l’impianto sportivo svedese che sta ospitando questa settimana i Campionati Mondiali 2021 di pattinaggio artistico. Con una performance di livello stellare infatti Yuzuru Hanyu si è piazzato in testa alla classifica dopo lo short individuale maschile lasciando, per l’ennesima volta in carriera, tutti a bocca aperta.

Il Pluri Campione Olimpico ha preso il largo pattinando un programma sulle energiche note de “Let me Entertain You” di Robbie Williams, inaugurando la prova con un poderoso quadruplo salchow e completando gli elementi di salto con una combinazione di estrema qualità, quadruplo toeloop/triplo toeloop, e con un sontuoso triplo axel a tempo di musica di struggente bellezza. Tenendo un flow costante e impreziosendo ogni tipo di accento musicale possibile l’alieno di Sendai ha poi sciorinato le tre trottole, tutte di livello 4, e la sequenza di passi (chiamata di livello 3), conquistando nel segmento 106.98 (59.02, 47.96), punteggio che, è doveroso dirlo, non rispecchia a pieno quanto mostrato sul ghiaccio complice una valutazione decisamente altalenante della giuria in alcune difficoltà.

Esordio con il botto per il giapponese Yuma Kagiyama, in questo momento secondo dopo aver polverizzato il suo primato personale con 100.96 (57.86, 43.10): il pattinatore classe 2003 si è reso protagonista di una prova veloce e di grande fluidità snocciolando la combinazione quadruplo salchow/triplo toeloop, il quadruplo toeloop e il triplo axel, salti dalla grandissima elevazione e parabola. Il Vice Campione Mondiale Junior 2020 ha regolato di due lunghezze il detentore del titolo iridato Nathan Chen, a questo giro penalizzato da una brutta caduta nel primo elemento, il quadruplo lutz.

Con la spregiudicatezza che lo contraddistingue lo statunitense ha poi prontamente raddrizzato il tiro in corsa, ruotando senza problemi il triplo axel e recuperando la combinazione agganciando il triplo toeloop al quadruplo flip, limitando quindi i danni, fermandosi a quota 98.85 (53.42, 46.43) e tenendo a debita distanza il russo Mikhail Kolyada, attualmente al quarto posto con 93.51 (49.80, 43.71) seguito dal canadese Keegan Messing, quinto con 93.51 (49.80, 43.71) e Shoma Uno, sesto con 92.62 (49.02, 44.60).

Qualche sbavatura (come la maggior parte dei concorrenti) per gli azzurri, al momento fuori dalla top 10 ma pronti a rientrarci in vista del segmento più lungo: Matteo Rizzo, complice un arrivo falloso nel quadruplo toeloop chiamato sottoruotato, ha dovuto accontentarsi dell’undicesima posizione con 83.30 (42.80, 40.50). Daniel Grassl ha invece guadagnato la quindicesima piazza con 79.43 (39.75, 39.68) per via di un problema nel toeloop in catena con il triplo lutz, ruotato solo doppio, e per un arrivo non tenuto nel triplo axel, piccole sbavature che non impediranno all’altoatesino di trovare la forza per tentare la grande riscossa in vista nel libero, dove tirerà fuori l’artiglieria pesante per risalire la china.

Da segnalare infine la clamorosa esclusione di Vincent Zhou, bronzo a Saitama 2019, rimasto attardato in venticinquesima posizione con 70.51 (32.04, 40.47) a causa di una prestazione sporcata da ben due cadute, rispettivamente nel quadruplo lutz (chiamato degradato) e nel triplo axel.

CLASSIFICA SHORT PROGRAM INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Yuzuru HANYU
JPN
106.98 1
2 Yuma KAGIYAMA
JPN
100.96 2
3 Nathan CHEN
USA
98.85 3
4 Mikhail KOLYADA
FSR
93.52 4
5 Keegan MESSING
CAN
93.51 5
6 Shoma UNO
JPN
92.62 6
7 Jason BROWN
USA
91.25 7
8 Junhwan CHA
KOR
91.15 8
9 Kevin AYMOZ
FRA
88.24 9
10 Evgeni SEMENENKO
FSR
86.86 10
11 Matteo RIZZO
ITA
83.30 11
12 Han YAN
CHN
81.52 12
13 Michal BREZINA
CZE
81.43 13
14 Deniss VASILJEVS
LAT
81.22 14
15 Daniel GRASSL
ITA
79.43 15
16 Konstantin MILYUKOV
BLR
78.86 16
17 Lukas BRITSCHGI
SUI
78.27 17
18 Alexei BYCHENKO
ISR
78.05 18
19 Boyang JIN
CHN
77.95 19
20 Nikolaj MAJOROV
SWE
75.59 20
21 Morisi KVITELASHVILI
GEO
74.66 21
22 Ivan SHMURATKO
UKR
73.98 22
23 Donovan CARRILLO
MEX
73.91 23
24 Aleksandr SELEVKO
EST
70.74 24
Final Not Reached
25 Vincent ZHOU
USA
70.51 25
26 Paul FENTZ
GER
68.43 26
27 Vladimir LITVINTSEV
AZE
68.43 27
28 Basar OKTAR
TUR
67.14 28
29 Maurizio ZANDRON
AUT
63.88 29
30 Peter James HALLAM
GBR
61.56 30
31 Valtter VIRTANEN
FIN
60.27 31
32 Mikhail SHAIDOROV
KAZ
59.14 32
33 Larry LOUPOLOVER
BUL
58.93 33

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vela, Italia sempre più lontana dal pass olimpico anche nei 49er. Domani ultima giornata di regate a Lanzarote

F1, Max Verstappen: “La macchina è risultata sempre prevedibile. Rivali della Mercedes? Vedremo…”