Parigi-Nizza 2021, chi parteciperà? Gli uomini di classifica: Roglic il faro, attenzione a Gaudu e Geoghegan Hart

Domenica inizierà la Parigi-Nizza e, tra i potenziali uomini di classifica al via, brilla la stella di Primoz Roglic. Lo sloveno, reduce da un 2020 in cui è arrivato secondo al Tour de France e in cui ha vinto Vuelta e Liegi-Bastogne-Liegi, è all’esordio stagionale, ma nonostante ciò è da considerarsi il favorito per il successo finale. Il rivale più temibile per l’alfiere della Jumbo-Visma, probabilmente, sarà il francese David Gaudu (Groupama-FDJ), il quale ha già mostrato di avere una condizione eccellente vincendo la recente Faun-Ardèche Classic.

Sarà della partita anche il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia Tao Geoghegan Hart (Ineos), il quale avrà al suo fianco lo specialista delle gare di una settimana Richie Porte e quel Rohan Dennis che fu fondamentale per il suo successo alla Corsa Rosa. Non sarà da meno, comunque, il supporting cast del sopraccitato Primoz Roglic, il quale potrà contare su Steven Kruijswjik, sul secondo classificato dell’ultimo Giro di Lombardia George Bennett e su un Sam Oomen che è approdato alla Jumbo-Visma in cerca di riscatto.

Bisognerà fare grande attenzione anche al duo Bora-Hansgrohe composto dal campione uscente Maximilian Schachmann e dall’austriaco Felix Grossschartner, così come alla coppia DSM formata dal belga Tiesj Benoot, secondo l’anno scorso, e dall’australiano Jai Hindley, il quale ha sfiorato il successo al Giro d’Italia 2020. Non si può sottovalutare, peraltro, nemmeno il solido russo Aleskandr Vlasov (Astana), un corridore molto adatto a manifestazioni come la Parigi-Nizza che presentano molte salite.

Tra gli altri potenziali uomini di classifica troviamo Bob Junges, Ben O’Connor e Aurélien Paret-Peintre dell’Ag2r, Wout Poels e Dylan Teuns della Bahrain, Guillaume Martin della Cofidis, l’azzurro Mattia Cattaneo della Deceuninck-Quick Step, Neilson Powless, di recente quinto all’UAE Tour, della EF Education-Nippo, Louis Meintjes della Intermarché-Wanty-Gobert, Warren Barguil dell’Arkea-Samsic, Pierre Latour della Total Direct Energie, David De la Cruz della UAE Team Emirates e la coppia della Qhubeka ASSOS composta da Fabio Aru e dal vincitore della Parigi-Nizza 2017 Sergio Henao.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Biathlon, grande Italia nei Mondiali Youth 2021 a Obertilliach: Martina Trabucchi e Linda Zingerle argento e bronzo nell’inseguimento

Golf, Gian Paolo Montali: “La Ryder Cup 2023 merita una grande presentazione, in sicurezza. Lavori sul campo ultimati”