Tour de Provence 2021, Ivan Sosa doma il Mont Ventoux. Si rivede Bernal, 6° Ciccone, staccato Aru

Doppietta Ineos sul traguardo di Chalet-Reynard, sede d’arrivo della terza tappa del Tour de la Provence 2021. Ivan Ramiro Sosa, infatti, si è imposto in solitaria davanti al compagno di squadra Egan Bernal. Terzo posto per il Campione del Mondo Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step). Sosa, ora, è anche il nuovo leader della classifica generale. Il migliore degli italiani è stato Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), il quale è giunto sesto a 48″ da Sosa. Fabio Aru (Qhubeka ASSOS), invece, è arrivato ventunesimo a 2’08” dal trionfatore.

La tappa è stata animata da una fuga composta da Louis Louvet (St-Michel-Auber 93), Alessandro Fedeli (Delko), Florian Vermeersch (Lotto-Soudal), Jérôme Cousin, Damien Gaudin (Total Direct Energie) e Nicola Bagioli (B&B Hôtels p/b KTM). L’ultimo a essere ripreso dal gruppo, sulle rampe del Mont Ventoux, è stato proprio Nicola Bagioli.

A quattro chilometri dall’arrivo, dopo che Ineos ha fatto il ritmo lungo tutta l’ascesa, mandando anche in crisi uno dei favoriti quale Alexey Lutsenko (Astana), è partito Ivan Ramiro Sosa e ha fatto il vuoto. Ai -3, dopo aver fatto lavorare il compagno Mauri Vansevenant, Julian Alaphilippe è scattato, ma Egan Bernal gli ha preso la ruota. Tutti gli altri, invece, hanno dovuto alzare bandiera bianca, tranne Wout Poels che è rientrato sul campione del mondo e sul portacolori della Ineos in un secondo momento.

Poels e Alaphilippe hanno collaborato per un chilometro, ma non sono riusciti a guadagnare un secondo su Sosa. A 1200 metri dall’arrivo, Bernal ha portato un attacco, al quale solo Alaphilippe è riuscito a rispondere. Il vincitore del Tour de France 2019, tuttavia, poco più tardi si è prodotto in un altro allungo e questa volta è riuscito a distanziare il transalpino e a cogliere il secondo posto finale.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pattinaggio artistico: Della Monica-Guarise avanti dopo lo short alle Finali del Gran Premio Italia, secondi Ghilardi-Ambrosini

Rugby, Sei Nazioni 2021: l’Inghilterra sbaglia molto, ma batte una volenterosa Italia