Seguici su

Sci Alpino

Sci alpino, Flavio Roda: “Ci aspettavamo di più dai Mondiali di Cortina, forse qualcuno ha parlato troppo…”

Pubblicato

il

Dopo due settimane intense e spettacolari, si sono ufficialmente conclusi i Campionati Mondiali di sci alpino 2021 di Cortina d’Ampezzo. La “Perla delle Dolomiti” ha risposto presente al grande evento, con una organizzazione esemplare (nonostante il pesante maltempo dei primi giorni e, soprattutto, le notevoli problematiche legate al Covid-19) e piste impeccabili. Dopo quindici giorni nei quali gli atleti sono stati i grandi protagonisti, è tempo di fare i bilanci finali.

Tra i più attesi, ovviamente, quelli di Flavio Roda, presidente della FISI. Il numero uno degli sport invernali italiani, non ha voluto usare giri di parole per delineare la sua analisi di quanto visto sulle nevi ampezzane, senza lesinare critiche e distribuendo, anzi, anche qualche frecciatina. “Quello che ha fatto il settore maschile è la cosa più positiva della spedizione, ha dato un grande segnale – le sue parole riportate da Fantaski – I nostri portacolori son stati sempre in gara. In slalom, nel gigante, nelle gare veloci, dove magari ci aspettavamo di più, ma tutti son sempre stati della partita”.

Passando al settore femminile, invece, Flavio Roda si fa decisamente meno diplomatico. “Ci aspettavamo di più dalle ragazze, inutile negarlo. Bellissima la medaglia d’oro di Marta Bassino certo, e non dimentichiamoci che siamo arrivati penalizzati dall’infortunio di Sofia Goggia, però bisognava fare qualcosa di più. Forse c’è stata qualche parola di troppo che non serviva, mentre l’unica cosa importante era solamente lavorare sugli sci”.

Il presidente della FISI passa quindi al computo generale. Il medagliere italiano? Siamo sinceri, ci attendevamo di più. Sappiamo come è andata la stagione, le ragazze hanno fatto grandi cose, però si trattava di un Mondiale, erano gare secche, per cui dobbiamo accettare il risultato. Anche nello slalom conclusivo abbiamo avuto un po’ di sfortuna, con Stefano Gross che prima di uscire stava volando, senza dimenticare le tre medaglie di legno che abbiamo conquistato. Ad ogni modo, dobbiamo guardare alle cose positive, però certo pensavamo di conquistare un numero maggiore di medaglie per onorare questo Mondiale in casa che è stato grandioso, nonostante le difficoltà. Insomma l’Italia conferma che non riesce a dare il proprio meglio nei grandi eventi, e su questo dovremo lavorare”.

Foto: FISI

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *