Scacchi: Torneo dei Candidati, ufficiali le date di ripresa. Lo sfidante mondiale di Magnus Carlsen si saprà a fine aprile

Dopo un’attesa lunghissima, e se vogliamo anche snervante, è finalmente arrivata la comunicazione della FIDE tanto attesa da tutto il mondo degli scacchi. Il Torneo dei Candidati, iniziato e poi interrotto nello scorso marzo (dal 16 al 27) a causa dei blocchi sui viaggi provocati dalla pandemia di Covid-19, tornerà in scena per la sua seconda parte nella seconda metà di aprile.

In particolare, si giocherà dal 19 al 27, con la possibilità di effettuare gli spareggi il 28, ove questi fossero necessari. La sede è la stessa che aveva ospitato le prime sette partite, e cioè Ekaterinburg, in Russia. Recente anche la comunicazione del fatto che il match per il titolo mondiale si svolgerà a Dubai dal 24 novembre al 16 dicembre, con Magnus Carlsen in attesa di conoscere il proprio sfidante (nel frattempo ha dato vita a iniziative e tornei molto interessanti, oltre a partecipare a quelli storici, come Wijk aan Zee, vinto quest’anno dall’olandese Jorden van Foreest).

La classifica, al momento dell’interruzione, era la seguente: al comando il francese Maxime Vachier-Lagrave e il russo Ian Nepomniachtchi con 4.5 punti, davanti all’italoamericano Fabiano Caruana, al cinese Wang Hao, al russo Alexander Grischuk e all’olandese Anish Giri (tutti a 3.5), seguiti dal russo Kirill Alekseenko e dal cinese Ding Liren (entrambi a 2.5)

In particolare, verranno osservati due giorni di riposo il 22 e 25 aprile, mentre in tutti gli altri giorni ci si troverà alla scacchiera, dopo oltre un anno di stop. E con stati di forma senz’altro ben diversi, il che renderà come minimo particolare questa prosecuzione. Secondo quanto affermato dal presidente della FIDE, Arkady Dvorkovich, a Chess.com, non dovrebbe essere l’hotel Hyatt a causa di alcune rimostranze effettuate dai giocatori in merito alle finestre di alcune stanze, che non si aprivano.

Foto: Lennart Ootes / FIDE

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2021, chi parteciperà? Sicuri Pogacar, Roglic e Nibali

Biathlon, individuale femminile Mondiali Pokljuka 2021. Dorothea Wierer mira al secondo oro consecutivo