Salto con gli sci, clamoroso a Rasnov! Squalificato Granerud, vince Ryoyu Kobayashi

Epilogo a dir poco clamoroso in quel di Rasnov, sede della quindicesima tappa stagionale della Coppa del Mondo 2020-2021 di salto con gli sci maschile, con la squalifica di Halvor Egner Granerud che ha consentito al giapponese Ryoyu Kobayashi di festeggiare il 18° successo nel circuito maggiore. Il pettorale giallo norvegese, dominatore della stagione e leader della classifica generale di Coppa, è stato infatti declassato dal 1° al 29° posto nella competizione odierna per tuta irregolare rimandando di fatto l’appuntamento con la dodicesima vittoria dell’anno (e della carriera).

Per Kobayashi, autore di una grandissima rimonta (con il miglior punteggio assoluto nella seconda serie) dalla settima piazza della prima manche, si tratta della prima affermazione in carriera su un Normal Hill. Il 24enne di Hachimantai, alla seconda vittoria in stagione, ha preceduto sul podio in Romania il polacco Kamil Stoch, 2° in rimonta (era 9° a metà gara) a 1.6 punti dalla vetta, ed il tedesco Karl Geiger, 3° a 2.2 punti di distacco dalla testa con una prestazione molto incoraggiante in termini di stabilità tecnica sulle due serie.

Ottima prestazione di squadra per la Polonia, che inserisce nella top5 anche Dawid Kubacki e Piotr Zyla, rispettivamente in quarta e quinta posizione a 2.3 e 4.5 punti dal leader di giornata. Da segnalare inoltre il fantastico nono posto del giovane austriaco classe 2002 Daniel Tschofenig, addirittura quinto dopo la prima serie, che porta a casa il miglior risultato in Coppa del Mondo riscattando di fatto la recente delusione per la quarta piazza nella gara individuale dei Mondiali Junior di Lahti. Oltre a Granerud, nella seconda serie è stato squalificato per tuta irregolare anche il tedesco Markus Eisenbichler (18° nella prima manche), che resta così a -526 dal norvegese nella generale.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis: anche Zverev e Murray wild card a Rotterdam dopo Sinner e Nishikori

Luca De Aliprandini, un punto di arrivo e un nuovo inizio