Ciclismo, Mathieu Van der Poel: “Punterò tutto sulle Olimpiadi, l’obiettivo non sarà il Tour de France”

Dopo il quarto successo in carriera nel Mondiale di ciclocross, Mathieu Van der Poel pensa già al prosieguo del suo 2021. Il ventiseienne fuoriclasse olandese, infatti, ha deciso che darà la sua priorità ai Giochi Olimpici di Tokyo (laddove cercherà la medaglia d’oro nella mountain bike) mettendo in disparte, quindi, il Tour de France 2021.

Le parole del fiammingo, riportate dalla Gazzetta dello Sport, puntano proprio in questa direzione: “Tutto sull’Olimpiade. Per essere chiari, per me Tokyo quest’anno è più importante rispetto alla Grande Boucle che potrei anche lasciare in anticipo, se ce ne fosse bisogno. Con la squadra di questo non ne abbiamo ancora parlato, nulla è deciso. La cosa sicura è che la mia Alpecin-Fenix farà il Tour perché lo scorso anno siamo stati la migliore Professional e so quanto è importante questa corsa per gli sponsor”.

Mathieu Van der Poel è talmente concentrato sulla spedizione nipponica che cercherà di prepararsi nel migliore dei modi, passando anche dall’Italia: “Farò tre prove di Coppa del Mondo in mountain bike e poi un lungo ritiro in quota a Livigno, più o meno a giugno, nel periodo del Giro di Svizzera e prima del Tour. Devo focalizzarmi sulla tecnica e migliorare ancora il mio feeling con la mtb, nel 2020 mi sono accorto che non era come doveva essere: vado in Giappone per vincere”.

Ciclocross, mountain bike, ma senza dimenticarsi della strada. Il campione in carica del Giro delle Fiandre spiega qualche sarà il suo programma delle prossime settimane. La prossima corsa alla quale parteciperà sarà l’Uae Tour dal 21 al 27 febbraio. “Ora mi riposerò una settimana, farò anche un po’ di motocross per rilassarmi, poi vado negli Emirati. In seguito in linea di massima farò tutte le classiche in calendario. Il ciclocross? Non devo più dimostrare nulla, se non vincere i Mondiali. Comunque almeno fino ai 30 anni continuerò a farlo”.


Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Australian Open 2021: tutti i qualificati. Si è giocato a Doha e Dubai a gennaio

MotoGP, la nuova Suzuki sarà presentata nel corso dei test pre-stagionali di Losail