Tennis, John Isner si ritira e Lorenzo Sonego esulta: sarà testa di serie agli Australian Open

Nella serata di ieri è arrivata la notizia del ritiro dall’Australian Open 2021 di John Isner. Il numero 25 al mondo ha svelato il tutto nel post match di Delray Beach contro Sebastian Korda perso con il risultato di 6-3 4-6 6-3, adducendo la sua scelta a motivi familiari, con la moglie incinta del suo secondo figlio. In pratica, una motivazione similare a quella che ha dettato il forfait di Roger Federer. E proprio in virtù di queste due rinunce (unite a quelle del britannico Kyle Edmund e dei francesi Jo-Wilfried Tsonga e Lucas Pouille), a sorridere è il nostro Lorenzo Sonego, che diventa ufficialmente testa di serie del primo Slam del 2021.

Il tennista torinese occupa in questo momento il numero 33 delle classifiche mondiali, con l’ingresso fra le teste di serie, e dunque con la possibilità di trovare un tabellone un po’ più agevole nei primi turni, sfuggito di un solo punto. La mancata partecipazione di Federer al torneo australiano era già propedeutica ad un suo ingresso fra i primi 32, ma è con l’assenza del gigante americano che può mettersi comodo e godersi per la prima volta l’essere accreditato come uno dei migliori del torneo. Sonego infatti salirebbe al numero 31 in tabellone ed in questo momento soltanto Hubert Hurkacz, in semifinale a Delray Beach, può superarlo in classifica, visto che i due tornei di Melbourne in preparazione allo Slam non porteranno variazioni nel ranking per il tabellone principale in Australia. Alla peggio dunque Sonego sarà, alla chiusura di questo barrage, numero 34 al mondo, ma il trentaduesimo miglior giocatore in classifica dopo i ritiri di Federer ed Isner.

Una bella soddisfazione per Lorenzo, che viene da una seconda parte di 2020 davvero positiva incorniciata dalla finale di Vienna giocata ad armi pari con Andrey Rublev e contornata dal gran successo sul numero 1 al mondo Novak Djokovic, a cui lasciò soltanto tre game.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, ATP Antalya 2021: Bublik-De Minaur, sfida inedita per la finale

Mike Tyson contro Evander Holyfield, terzo atto a un passo! The Warrior: “Match da 200 milioni di dollari, mi alleno per lui”