Speed skating, Europei 2021: l’Olanda senza Kramer e Wust fa sempre paura, Italia con tanti dubbi

Il conto alla rovescia sta per terminare e gli Europei 2021 di speed skating a Heerenveen (Paesi Bassi) stanno per cominciare. Il 16-17 gennaio si darà il via non solo alla rassegna continentale per il pattinaggio pista lunga, ma anche all’intera stagione. Il nemico invisibile, il Covid-19, ha costretto l’ISU a rivedere i piani. Risultato: niente gare negli ultimi scampoli del 2020 e solo competizioni nell’anno solare 2021.

CALENDARIO SPEED SKATING 2021

16-17 gennaio ISU European Championships Heerenveen (NED)
22-24 gennaio ISU World Cup #1 Heerenveen (NED)
29-31 gennaio ISU World Cup #2 Heerenveen (NED)
11-14 febbraio ISU World Championships Heerenveen (NED)

Il Thiaf, quindi, sarà la casa dello speed skating in questa stagione molto particolare. Una competizione che, come da regolamento, avrà una valenza doppia: Allround (si tiene conto dei migliori piazzamenti nelle distanze classiche con una classifica a punti) e sprint (riferita in questo caso ai riscontri sulle prove veloci sui 500-1000 metri). I favori del pronostico, in qualunque caso, spettano ai padroni di casa. La compagine orange, infatti, è pronta a regalarsi qualcosa di speciale sul ghiaccio amico. Mancheranno i due assi più noti, vale a dire Sven Kramer, 10 volte vincitore del titolo Allround a livello continentale. I riscontri nella prova di qualificazione disputata sul finire del 2020 non sono stati sufficienti per vederlo all’opera. Tutto rimandato ai Mondiali dove il campione olandese vorrà ottenere qualcosa di importante nelle sue amate specialità “distance”. Stessa storia, stesso mare per Ireen Wust, cinque volte oro europeo, con 14 titoli mondiali nelle singole distanze e 5 ori olimpici in bacheca. Un palmares da far tremare i cieli.

La sostanza però non cambierà dal momento che atleti come il tre volte campione del mondo Patrick Roest, secondo nell’ultima edizione degli Europei Allround a Collalbo nel 2019, è pronto a prendersi lo scettro, mentre Antoinette de Jong vuol confermarsi sul tetto d’Europa. Nella velocità Kai Verbij ha il dolce ricordo dell’anello di ghiaccio italiano e quindi il desiderio è di replicare, mentre sul versante femminile Jutta Leerdam (3 ori nel Mondiali su singole distanze a Salt Lake City nel 2020) ha tutte le carte in regola per lasciare il segno sul ghiaccio.

I rivali per la formazione dei Paesi Bassi dovrebbero esserci soprattutto sul fronte della velocità dove la compagine russa col fenomenale Pavel Kulizhnikov, primatista del mondo dei 500 e 1000 metri, può davvero rappresentare un ostacolo di non poco conto per la truppa di casa. Nel suo caso, però, c’è un punto di domanda per via della positività al Covid-19 nel mese di dicembre. In ambito femminile l’austriaca Vanessa Herzog (oro a Collalbo nel 2019) aspira alla replica nello sprint, mentre l’inossidabile Martina Sablikova (seconda due anni fa) lancerà il guanto di sfida nell’Allround.

E l’Italia? Sono tanti i dubbi tra le fila del Bel Paese. La preparazione della squadra guidata da Maurizio Marchetto si è tenuta presso l’Ice Rink di Piné, dove sono stati effettuati alcuni Test Race per sondare la condizione. Non sono mancati i contrattempi ed è per questo che la squadra tricolore non potrà contare sul bronzo olimpico dei 10.000 metri Nicola Tumolero e sulla promettente Noemi Bonazza. Tutto sembra essere, quindi, nelle mani di Francesca Lollobrigida, che nel 2019 in casa seppe conquistare un bronzo storico. Lei, nata e cresciuta rotellista, ha sposato la causa del ghiaccio per tingersi dei Cinque Cerchi. Per far questo, i miglioramenti sulle distanze classifiche sono stati evidenti: record italiano nei 1500 metri (1’54″13) e nei 3000 metri (3’58″71) l’anno passato a Salt Lake City. Tanti però i punti interrogativi per via della mancanza delle gare, ma gli Europei saranno un bel banco di prova per tutti viste le difficoltà.

I CONVOCATI DELL’ITALIA

Allround maschile
Francesco Betti
Andrea Giovannini
Michele Malfatti

Sprint maschile
David Bosa
Mirko Giacomo Nenzi

Allround femminile
Francesca Lollobrigida
Linda Rossi

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dakar 2021, è morto Pierre Cherpin: il pilota francese deceduto per le gravi lesioni nell’incidente della settima tappa

Golf, PGA Tour 2021: Kokrak, Malnati e Niemann al comando del Sony Open in Hawaii al termine del primo round