Sci alpino, Marta Bassino tallona Petra Vlhova nel Prize Money Ranking! Quanti soldi ha guadagnato? La classifica dei premi

Marta Bassino è stata protagonista di un weekend da urlo sulle nevi di Kranjska Gora, dove ha vinto i due giganti validi per la Coppa del Mondo 2021 di sci alpino. L’azzurra si è letteralmente scatenata sull’impegnativa pista Podkoren e ha dimostato di essere la sciatrice più forte del momento in questa specialità: quattro vittorie stagionali su cinque gare disputate, l’unica volta che non ha trionfato è perché è uscita nella seconda manche mentre battagliava per il trionfo. La piemontese è entrata in una nuova dimensione, è la grande favorita per la conquista della Sfera di Cristallo di gigante, è terza in classifica generale e punta con grande fiducia ai Mondiali di Cortina d’Ampezzo, in programma dall’8 al 21 febbraio.

La doppia vittoria nel fine settimana ha permesso a Marta Bassino di mettere da parte 90.000 franchi svizzeri (circa ) e di issarsi saldamente al secondo posto nella classifica dei premi, il Prize Money Ranking stilato ufficialmente dalla Federazione Internazionale degli Sport Invernali e che prende in considerazione tutti i premi in denaro raccolti dagli atleti in base ai risultati sportivi ottenuti in stagione.

La 24enne ha già portato a casa un assegno di 215.281 franchi svizzeri (circa 200.400 euro) e ora tallona da vicinissimo la slovacca Petra Vlhova, leader della classifica generale che ha messo da parte 229.901 franchi svizzeri (circa 214.000 euro). Insomma l’azzurra potrebbe anche operare il sorpasso nelle prossime settimane. La statunitense Mikaela Shiffrin è terza (164.978 franchi, ovvero 153.578 euro), Sofia Goggia è invece quinta con 124.804 franchi (circa 116.180 euro), mentre Federica Brignone occupa il nono posto con 71.659 franchi (circa 66.707 euro). Attenzione: la conversione di valuta viene sempre effettuata al momento della pubblicazione dell’articolo, motivo per cui i valori in euro potrebberro mutare (lievemente) di giorno in giorno, da articolo ad articolo.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

FOTO Marta Bassino festeggia su Instagram: “Ho il cuore che mi esplode!”

Sci alpino, Lars Roesti vince il superG di Zinal di Coppa Europa, 11° Giovanni Franzoni primo degli italiani