Pallanuoto femminile, pagelle Italia-Ungheria 10-13: Claudia Marletta la migliore delle azzurre

Una sconfitta cocente che vale la non qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo. Il Setterosa viene battuto per 13-10 nella semifinale del Preolimpico di Trieste dall’Ungheria e manca dunque l’ultimo pass per il Giappone. Andiamo a rivivere questa partita con le pagelle delle azzurre.

PAGELLE ITALIA-UNGHERIA 10-13

Giulia Gorlero, 6,5: nel primo quarto è maestosa, con un paio di parate che tengono l’Italia in partita. Poi, come le compagne, cala alla distanza.

Chiara Tabani, 7: ci prova in tutti i modi, è la giocatrice forse più duttile della squadra. Trova due reti d’orgoglio, ma non basta.

Arianna Garibotti, voto 5: la condizione, dopo un infortunio in preparazione, non era delle migliori. Serata da dimenticare, sbaglia anche un rigore.

Silvia Avegno, voto 5: il capitano del Setterosa non riesce a dare quella svegliata, a livello psicologico, che serviva.

Elisa Queirolo, voto 5: un netto calo rispetto alla giocatrice che abbiamo visto in azione qualche anno fa, ha perso molto in chiave di incisività offensiva.

Rosaria Aiello, voto 5,5: fatica molto al centro, prova spesso con beduine e sciarpe, ma non trova la via della rete.

Claudia Marletta, voto 7,5: la migliore di gran lunga delle azzurre. In fase offensiva è devastante: trova quattro reti, ma crea pericoli spesso e volentieri palla in mano. Unica pecca un rigore sbagliato.

Roberta Bianconi, voto 6,5: a tratti sembra essere tornata la Bianconi che i tifosi azzurri ricordavano, due reti fondamentali per tenere in corsa le azzurre. Poi però si spegne.

Sofia Giustini, voto 6: poco da imputare alla giovanissima attaccante tricolore, anche oggi dà tutto. Si dovrà ripartire da lei per il prossimo ciclo.

Valeria Palmieri, voto 7: altra giornata eccezionale per il centroboa dell’Orizzonte Catania, la migliore azzurra nel torneo. Due reti e un’infinità di espulsioni guadagnate.

Izabella Chiappini, voto 5: ci si aspettava molto di più dall’italo-brasiliana, mai entrata in partita oggi.

Giulia Viacava, voto 5,5: pochi minuti in acqua, protagonista soprattutto in fase difensiva.

Fabiana Sparano, senza voto. 

Paolo Zizza, voto 5: una delusione atroce per il ct azzurro, questo era un obiettivo assolutamente da centrare. Partita sbagliata sicuramente nell’approccio. Bisognerà ripartire per un nuovo ciclo.

Foto LM-LPS/Marco Todaro

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallanuoto femminile, Paolo Zizza: “L’Ungheria è una squadra che non ha bisogno di tranquillità perché ha grande qualità”

Calcio a 5, Serie A 2021: Pesaro travolge Ostia, vittoria di misura del Petrarca contro Genova nel 17° turno