NBA 2020-2021, i risultati della notte (10 gennaio): LaMelo Ball spegne gli Atlanta Hawks, ai Sixers non riesce il miracolo

Nella notte appena trascorsa si sono disputate otto partite valevoli per la stagione NBA 2020-2021. Da registrare il ko subito dai Philadelphia Sixers, che contro i Denver Nuggets si presentano con solo 7 giocatori a disposizione per un focolaio Covid scoppiato poche ore prima. Andiamo a riepilogare quanto accaduto.

Partiamo proprio da Philadelphia, che non può nulla contro i Nuggets con solo 7 giocatori a referto. Fanno gli straordinari i Sixers, ci provano a giocarsela, ma dopo un primo tempo dove il gap viene limitato a soli 7 punti, nel terzo quarto Denver dilaga e chiude il discorso con un parziale di 35-21. Miglior marcatore dei Nuggets è Gary Harris con 21 punti, mentre Nikola Jokic ha 15 punti, 12 assist e 9 rimbalzi. Per i Sixers, invece, 39 punti di un indiavolato Tyrese Maxey, ma non bastano.

Terzo quarto decisivo anche a Washington, dove i Miami Heat espugnano il campo dei Wizards grazie al parziale di 28-15 della terza frazione dopo un primo tempo dove le difese hanno regalato canestri su canestri. Come a Philadelphia, anche a Washington problemi di rosa, con Westbrook e Beal out e l’infortunio a inizio partita di Thomas Bryant. Vittoria che ridà fiato a degli Heat incostanti e che vede Tyler Herro miglior marcatore con 31 punti e Jimmy Butler chiudere con 26 punti, 10 rimbalzi e 9 assist.

Quarta sconfitta consecutiva per gli Atlanta Hawks, che sono entrati in un pericoloso vortice in questo avvio di 2021. Ancora assente Danilo Gallinari, infatti, gli Hawks cedono nettamente a Charlotte, con gli Hornets che approfittano del pessimo momento di Trae Young e John Collins per chiudere il discorso già nel primo tempo. A peggiorare le cose per Atlanta il brutto infortunio al ginocchio subito da Bogdan Bogdanovic e che rischia di tenere il giocatore lontano dai parquet a lungo. Decisivo, però, è stato LaMelo Ball, che entra nella storia NBA con una tripla doppia, 22 punti, 12 rimbalzi e 11 assist, a soli 19 anni e 140 giorni.

Vittoria per i Milwaukee Bucks, che nonostante l’assenza di Giannis Antetokounmpo battono i Cleveland Cavaliers in un match dai tre volti per i padroni di casa. Un primo quarto da urlo, chiuso sul 27-14 per i Bucks, che poi arrivano a toccare il +19, ma che in pochi minuti vengono rimontati dai Cavaliers fino al pareggio. Ancora un allungo dei Bucks e, questa volta, i padroni di casa controllano il vantaggio fino alla fine. Per i Bucks miglior marcatore Khris Middleton con 27 punti, mentre in casa Cavs spiccano i 26 punti e 24 rimbalzi di Andre Drummond.

Vince anche Dallas, con i Mavericks che hanno la meglio degli Orlando Magic nonostante qualche assenza di troppo. Decisive le 20 triple messe a segno dai texani, dove dall’arco danno spettacolo in particolare Tim Hardaway Jr con 36 punti (8/13),e Trey Burke, 29 punti con 7/8. Non delude neanche il solito Luka Doncic, con 20 punti, 11 rimbalzi e 10 assist per un successo che lancia Dallas verso le zone nobili della classifica.

Nelle altre sfide di giornata, match senza storia a Sacramento, dove i Kings vengono battuti nettamente dai Portland Trail Blazers, che chiudono il match agilmente già nel primo tempo, guidati dai 37 punti di CJ McCollum. A Minnesota, invece, i San Antonio Spurs si impongono dopo un supplementare in un match combattutissimo ed equilibratissimo, dove a fare la differenza sono due canestri di Patty Mills che lanciano gli Spurs al successo. Infine, vittoria in trasferta per i Phoenix Suns che espugnano il campo degli Indiana Pacers nella sfida tra due squadre che hanno iniziato la stagione alla grande. Miglior marcatore Mikal Bridges con 34 punti e Suns che raggiungono i Lakers in vetta a Ovest.

I RISULTATI DELLA NOTTE NBA

Philadelphia Sixers – Denver Nuggets 103-115
Washington Wizards – Miami Heat 124-128
Indiana Pacers – Phoenix Suns 117-125
Charlotte Hornets – Atlanta Hawks 113-105
Minnesota Timberwolves – San Antonio Spurs 122-125
Milwaukee Bucks – Cleveland Cavaliers 100-90
Dallas Mavericks – Orlando Magic 112-98
Sacramento Kings – Portland Trail Blazers 99-125

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, ATP Delray Beach 2021: i risultati del 9 gennaio. Mager ai quarti, Harrison il prossimo avversario. Garin eliminato

Golf, Ryan Palmer e Harris English condividono la testa del Sentry Tournament of Champions 2021 dopo 54 buche